Dolore

Miopatie infiammatorie autoimmuni, fondamentale la ricerca sul dolore

Il peso del dolore nelle miopatie infiammatorie autoimmuni Ŕ considerevole. Tuttavia, a causa dell'eterogeneitÓ e della bassa qualitÓ dei dati disponibili, persistono notevoli lacune nelle conoscenze. ╚ quanto evidenzia una revisione sistematica della letteratura pubblicata su RMD Open.

Il peso del dolore nelle miopatie infiammatorie autoimmuni è considerevole. Tuttavia, a causa dell'eterogeneità e della bassa qualità dei dati disponibili, persistono notevoli lacune nelle conoscenze. È quanto evidenzia una revisione sistematica della letteratura pubblicata su RMD Open.

Le miopatie infiammatorie autoimmuni (AIM) sono malattie autoimmuni croniche rare caratterizzate da infiammazione muscolare e debolezza.
Le principali AIM sono dermatomiosite (DM), sindrome da anticorpi anti-sintetasi, miosite necrotizzante immuno-mediata, miosite sporadica da corpi inclusi e polimiosite (PM).

L'AIM negli adulti è una malattia rara, con un'incidenza stimata di 20 casi per milione all'anno e una prevalenza di 30 casi per 100.000 individui; sono malattie compromettenti dal punto di vista funzionale e, se confrontate con altre malattie reumatiche autoimmuni sistemiche, sono associate a una maggiore compromissione della qualità della vita correlata alla salute.

Sondaggi condotti su pazienti, loro famiglie e medici, evidenziano che il dolore è una delle cinque massime priorità per la ricerca in AIM sottolineando la scarsità di dati in merito.

Con l'obiettivo di caratterizzare meglio l'esperienza del dolore in AIM, è stata condotta una revisione su PubMed e Medline considerando studi che includevano più di cinque pazienti adulti con AIM e valutazione del dolore utilizzando una misura di esito riferita dal paziente.
Caratteristiche della popolazione di studio, misurazione del dolore e correlati clinici del dolore sono stati estratti utilizzando un protocollo standardizzato.
Sono stati identificati 2831 studi con 33 che soddisfacevano i criteri di inclusione. La maggior parte degli studi ha utilizzato la scala analogica visiva (n=14) e/o il questionario “Medical Outcomes Study 36-Item Short Form Bodily Pain Scale” (n=17).

La frequenza del dolore e/o delle mialgie variava dal 64% al 100%. I soggetti con AIM avevano un dolore significativamente maggiore rispetto alla popolazione generale e dolore paragonabile ad altre malattie reumatiche croniche come l'artrite reumatoide.
Risultati insufficienti erano disponibili per identificare correlazioni cliniche significative del dolore nell'AIM.
Tuttavia, gli autori fanno notare che il dolore era raramente l'obiettivo principale degli studi. Inoltre, gli studi erano per lo più piccoli, studi monocentrici con popolazioni mal definite e metodologia ad alto rischio di bias.

Questa revisione ha cercato quindi di evidenziare le aree in cui la ricerca potrebbe aiutare a caratterizzare meglio l'esperienza del dolore nell'AIM.

Nessuno degli studi inclusi formalmente in questa revisione ha esplorato la relazione tra l'attività della malattia e il dolore in AIM. Potenziali fattori che contribuiscono al dolore non infiammatorio come comorbilità (ad esempio, fibromialgia) o danno da altre malattie (p. es., disfunzione/atrofia muscolare) sono frequentemente trascurate e ciò può complicare la valutazione dell'attività della malattia. Sarebbero utili correlazioni tra dolore e marcatori biologici dell'attività della malattia per generare ipotesi sui possibili meccanismi del dolore nell'AIM. Ad esempio, uno studio istopatologico di Noda et al ha mostrato che la fascite piuttosto che la miosite era associata alla mialgia in una coorte di 54 pazienti giapponesi con AIM.

Inoltre, i pazienti che presentano dolore e caratteristiche miopatiche dovrebbero essere attentamente valutati per miopatie tossiche, infettive e metaboliche.
Diventano importanti studi futuri sulle anomalie strutturali compreso, ma non limitato, al muscolo (p. es., articolazione, pelle, nervi, malattia di Raynaud) in modo da identificare possibili strutture coinvolte nella generazione del dolore in AIM.

Gli autori sottolineano che alcuni dei dati riportati in questa revisione suggeriscono differenze di sesso nell'esperienza del dolore in AIM. Questo si allinea con la letteratura sull'artrite infiammatoria come artrite reumatoide e spondiloartropatie, dove le pazienti di sesso femminile riportano costantemente livelli più elevati di dolore rispetto a pazienti di sesso maschile.

Anche gli studi sugli animali hanno dimostrato che ci sono importanti differenze di sesso nell'elaborazione del dolore.
In conclusione, questa revisione suggerisce che l'onere del dolore nelle miopatie infiammatorie autoimmuni è considerevole. Tuttavia, a causa dell'eterogeneità e della bassa qualità delle prove persistono lacune. Sono necessari studi per caratterizzare le traiettorie del dolore nei pazienti con AIM.

Valérie Leclair et al., Pain in autoimmune inflammatory myopathies: a scoping review. RMD Open. 2023 Jan;9(1):e002591.
leggi