Dolore

Neuropatia diabetica, la carenza di zinco incide sulla severitÓ di malattia

La carenza di zinco correla significativamente con la gravitÓ della polineuropatia diabetica (DPN) e del controllo glicemico. Inoltre, i pazienti diabetici con e senza neuropatia hanno livello di zinco significativamente pi¨ bassi rispetto ai controlli sani. ╚ quanto evidenzia uno studio pubblicato su Brain and Behavior.á

La carenza di zinco correla significativamente con la gravità della polineuropatia diabetica (DPN) e del controllo glicemico. Inoltre, i pazienti diabetici con e senza neuropatia hanno livello di zinco significativamente più bassi rispetto ai controlli sani. È quanto evidenzia uno studio pubblicato su Brain and Behavior. 

La neuropatia diabetica periferica (DPN) colpisce circa il 30%– 50% di tutti i pazienti con DM. Può coinvolgere tutti nervi periferici compresi i neuroni sensoriali e motori, il sistema autonomo e anche il sistema nervoso.

Le attuali linee guida per la gestione clinica della DPN sono limitate al trattamento medico sintomatico del dolore neuropatico e allo stretto controllo glicemico. Diversi studi clinici su pazienti con neuropatia diabetica hanno rivelato che l'integrazione orale con zinco aiuta a ottenere un migliore controllo glicemico e un miglioramento della gravità della DPN come valutato da studi neurofisiologici Il ruolo dello zinco nello sviluppo del diabete di tipo 1 e 2 resta però ancora controverso.

Lo scopo di questo studio era di valutare il livello di zinco sierico in pazienti diabetici con e senza neuropatia periferica rispetto ai controlli sani e di esplorare la possibile relazione tra il livello di zinco sierico e la gravità della neuropatia periferica.

Si tratta di uno studio caso-controllo che è stato condotto su 120 soggetti: 40 pazienti soddisfacevano i criteri per la diagnosi di probabile polineuropatia diabetica, 40 pazienti diabetici senza polineuropatia (N-DPN) e 40 controlli sani.
I pazienti con DPN sono stati sottoposti a valutazione clinica della neuropatia diabetica utilizzando la scala dei sintomi e dei cambiamenti della neuropatia (NSC), la scala Michigan Neuropathy Screening Instrument Physical Assessment (MNSI) e la valutazione elettrofisiologica utilizzando lo studio della conduzione nervosa.

Il livello sierico di zinco è stato misurato in tutti i soggetti inclusi in questo studio utilizzando il metodo di test colorimetrico diretto.

Il livello medio di zinco sierico nel gruppo DPN era significativamente più basso rispetto ai controlli sani (56,95±10,86, 62,09±9,2 μg/dl, rispettivamente) (p=0.023). Il livello medio di zinco sierico nel gruppo N-DPN era significativamente inferiore al controllo sano (57,198±9,83, 62,09±9,2 μg/dl, rispettivamente) (p=0.03).

Non è stata trovata alcuna differenza statisticamente significativa tra il livello di zinco sierico nei gruppi DPN e N-DPN (p=0.911). C'era una correlazione negativa statisticamente significativa tra livello sierico di zinco nel gruppo DPN e HbA1C (p˂ 0.001), punteggio NSC (p=0.001) e punteggio MNSI (p=0.003).
C'era una correlazione positiva statisticamente significativa tra livello sierico di zinco e velocità di conduzione del nervo mediano (ramo motore), nervo ulnare (ramo motorio), nervo peroneo e nervo surale nei pazienti diabetici con neuropatia periferica.

Il livello sierico di zinco in quei pazienti era anche correlato positivamente con l'ampiezza della mediana del nervo (ramo motorio), nervo ulnare (ramo motorio e sensitivo), nervo peroneo, nervo tibiale e nervo surale. C'era una correlazione negativa statisticamente significativo tra il livello sierico di zinco e la latenza distale del nervo mediano (ramo motorio) e del nervo surale.

Quindi, i risultati hanno evidenziato che i pazienti diabetici con e senza neuropatia mostrano valori medi di zinco sierico significativamente più bassi rispetto ai controlli sani; una correlazione negativa statisticamente significativa tra il livello sierico di zinco e l'emoglobina A1C nel gruppo DPN e c'erano anche correlazioni statisticamente significative tra il livello sierico di zinco e i valori della conduzione nervosa.

Ulteriori studi dovrebbero essere condotti in pazienti con prediabete e pazienti diabetici senza neuropatia periferica in modo da valutare potenziali effetti benefici dell'integrazione di zinco nella prevenzione della neuropatia diabetica dopo aver preso in considerazione il rischio di mieloneuropatia da carenza di rame nei pazienti con eccesso di zinco.
.
Mona Hussein et al., Zinc deficiency correlates with severity of diabetic polyneuropathy Brain Behav. 2021 Sep 14;e32349. doi: 10.1002/brb3.2349.

leggi