Dolore

Obesità ed uso di oppioidi, è il dolore il collegamento?

Due nuovi studi pubblicati questa primavera hanno fortemente collegato l'obesità e l'uso di oppioidi da prescrizione. Ora arriva un nuovo studio che ipotizza il collegamento che unirebbe le due condizioni e cioè il dolore alla schiena e alle articolazioni. L'obesità e, cosa più importante, vivere in un ambiente che non favorisce il mantenimento di un peso sano sono la via verso il dolore cronico e l'uso di oppioidi da prescrizione, ha affermato il dottor Stokes, che è anche il primo autore dello studio pubblicato sull'American Journal of Preventive Medicine; l'altro studio è stato pubblicato su JAMA Network Open.

Due nuovi studi pubblicati questa primavera hanno fortemente collegato l'obesità e l'uso di oppioidi da prescrizione. Ora arriva un nuovo studio che ipotizza il collegamento che unirebbe le due condizioni e cioè il dolore alla schiena e alle articolazioni. L'obesità e, cosa più importante, vivere in un ambiente che non favorisce il mantenimento di un peso sano sono la via verso il dolore cronico e l'uso di oppioidi da prescrizione, ha affermato il dottor Stokes, che è anche il primo autore dello studio pubblicato sull'American Journal of Preventive Medicine; l'altro studio è stato pubblicato su JAMA Network Open.

"Mentre l'epidemia di obesità è stata precedentemente vista come disconnessa dall'epidemia di oppioidi, è chiaro che non è così", ha detto Andrew Stokes, assistente professore presso il Dipartimento di salute globale presso la Boston University School of Public Health.

Nello studio apparso su AJPM, i ricercatori hanno utilizzato i dati del Medical Expenditure Panel Survey per esaminare l'incidenza dell'uso di oppioidi da prescrizione a lungo termine in base allo stato di obesità.

Analizzando un set di dati di adulti naive agli oppioidi (n=89.629), i ricercatori hanno scoperto che l'obesità era fortemente associata all'uso incidente di oppioidi prescritti a lungo termine. Tale associazione è salita alle stelle dal 24% (95% CI, 7% -44%) negli individui in sovrappeso al 158% (95% CI, 106% -224%) in quelli con obesità di classe III (indice di massa corporea [BMI], 40,0- 49,9 kg/m2).

Il team ha anche scoperto che circa un quarto (27%; IC 95%, 19,0% -34,8%) di tutto il consumo di oppioidi a lungo termine negli Stati Uniti era collegato a un BMI superiore al normale, ponendo la domanda se a lungo termine l'uso potrebbe essere evitato se tutti gli individui in sovrappeso e obesi riducessero il loro peso a livelli normali.

Lo studio JAMA è uno studio trasversale di un campione nazionale di cartelle cliniche elettroniche per quasi 566.000 persone di età compresa tra 35 e 64 anni. Al basale, il 31,4% era in sovrappeso e il 48,2% era obeso.
Tutti sono stati esaminati dai medici di base tra il 1 ° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017. Il loro indice di massa corporea è stato determinato durante il 2016. I ricercatori hanno anche identificato le prescrizioni di oppioidi verificatesi nei 365 giorni prima e dopo e sono state effettuate misurazioni dell'indice di massa corporea. Durante questi due anni, al 16,6% dei pazienti sono stati prescritti oppioidi.

I risultati mostrano che un'associazione tra obesità e oppioidi da prescrizione che aumentavano con la BMI. I pazienti in sovrappeso (BMI, 25,0-29,9 kg/m2) avevano l'8% in più di probabilità di ricevere oppioidi rispetto ai pazienti di peso normale. I pazienti obesi I (BMI, 30-34,9 kg/m2), obesi II (BMI, 35,0-39,9 kg/m2) e obesi III (BMI, 40,0-49,9 kg/m2) avevano il 24%, 33% e 48% in più di probabilità che gli fossero prescritti oppioidi, rispettivamente. I pazienti obesi IV (BMI, 50-80 kg/m2) avevano il 71% di probabilità in più di ricevere oppioidi.

La connessione con i dolori alla schiena
In entrambi gli studi, le diagnosi comuni di dolore per i pazienti a cui erano stati prescritti oppioidi erano simili. Nello studio AJPM, i ricercatori hanno elencato dolori articolari, mal di schiena, lesioni e dolori muscolari e/o legati ai nervi come i tipi di dolore più comunemente osservati tra gli adulti con obesità e livelli più elevati di prescrizioni di oppioidi. Nella ricerca JAMA, tre diagnosi di dolore - artrosi, "altri disturbi articolari" e "altri disturbi alla schiena" - erano le più diffuse tra le 25 diagnosi di dolore, rappresentando una prevalenza totale combinata del 7%. L'osteoartrite e altri disturbi articolari erano le due indicazioni per la prescrizione di oppioidi con le più forti associazioni con l'obesità.

Anche nello studio JAMA, il rischio relativo di avere una prescrizione di oppioidi per gestire l'osteoartrosi era di 1,90 (95% CI, 1,77-2,05), mentre era di 1,63 per altri disturbi articolari. Entrambi avevano associazioni più forti con l'obesità rispetto alla media per qualsiasi diagnosi di dolore.

"I disturbi alle articolazioni e alla schiena sembrano essere le diagnosi più importanti per spiegare la maggiore ricezione di prescrizioni di oppioidi tra i pazienti con obesità", secondo i ricercatori.

"Il punto più importante da portare a casa da questi documenti per i medici è che l'obesità è un fattore trainante nello sviluppo di condizioni di dolore cronico", ha detto Andrea L. Nicol, professore associato presso il Dipartimento di Anestesiologia presso la University of Kansas School of Medicine, a Kansas City, che non è stata coinvolta nella ricerca.

"Sono rimasto davvero incuriosito dalle analisi di sensibilità eseguite nell'articolo dell'AJPM, che hanno dimostrato che anche quando si controllano i fattori che sappiamo influenzare il dolore cronico, come i disturbi di salute mentale e il fumo, le associazioni tra obesità e prescrizioni di oppioidi erano forti", ha affermato il dott. Nicol.

"Questi sono entrambi documenti molto importanti", ha concordato Peter S. Staats, a capo dei National Spine and Pain Centers, a Baltimora. "Abbiamo notato da tempo che gli Stati Uniti hanno una maggiore incidenza di obesità, nonché una maggiore incidenza di dipendenza e abuso di oppioidi rispetto ad altri paesi industrializzati" ha precisato il dr. Staats, che è anche presidente eletto del World Institute of Pain e membro del comitato consultivo editoriale di Pain Medicine News e non è stato coinvolto nella ricerca.

Cosa possono fare i medici per i loro pazienti
Per il dottor Stokes: “Come dimostra questo studio, l'obesità attraverso le sue connessioni con il dolore cronico alle articolazioni e alla schiena sta guidando la domanda di uso di oppioidi soggetti a prescrizione, che a sua volta può portare a un uso improprio di oppioidi. Piuttosto che pensare a come limitare l'accesso ai trattamenti per gli attuali pazienti affetti da dolore, noi come società dovremmo pensare profondamente a come possiamo ridurre la domanda di trattamenti per il dolore in futuro, eliminando fattori di rischio come l'obesità ".

I medici potrebbero cambiare il modo in cui parlano di obesità, in particolare ai giovani, incluso il dolore cronico come possibile risultato associato, ha spiegato il dottor Stokes.

Stoke A. et al., Obesity and Incident Prescription Opioid Use in the U.S., 2000–2015
leggi

Stokes A. et al., Association of Obesity With Prescription Opioids for Painful Conditions in Patients Seeking Primary Care in the US
leggi


SEZIONE DOWNLOAD