Oppioidi nel paziente anziano, aumentano il rischio di cadute?

Le persone anziane che assumono oppioidi potrebbero essere a più alto rischio di lesioni durante una caduta rispetto ad altri pazienti traumatizzati. E' quanto suggerisce un'analisi canadese pubblicata su CMAJ-Canadian Medical Association Journal. Gli autori precisano che tali risultati andranno confermati in ulteriori studi poiché la causa di questo aumentato rischio potrebbe essere il problema di salute (in genere il dolore cronico) piuttosto che l'uso degli oppiacei.

Le persone anziane che assumono oppioidi potrebbero essere a più alto rischio di lesioni durante una caduta rispetto ad altri pazienti traumatizzati. E’ quanto suggerisce un'analisi canadese pubblicata su CMAJ-Canadian Medical Association Journal. Gli autori precisano che tali risultati andranno confermati in ulteriori studi poiché la causa di questo aumentato rischio potrebbe essere il problema di salute (in genere il dolore cronico) piuttosto che l’uso degli oppiacei.

Le cadute sono una delle principali cause di disabilità e morte tra le persone con età superiore ai 65 anni.
Gli studi sul rischio di cadute e uso di oppiacei fino ad oggi sono stati contrastanti e non hanno fornito un quadro chiaro della gravità delle lesioni o del rischio di decesso per i pazienti anziani in seguito a lesioni post caduta.

In questa analisi, i ricercatori hanno studiato più di 67.000 pazienti oltre i 65 anni che hanno subito traumi post caduta e che sono stati ricoverati in centri traumatologici in Quebec tra il 2004 e il 2014. L'età media era di 81 anni.
Nel complesso, l’analisi ha mostrato che le persone con una recente prescrizione di oppiacei hanno una probabilità 2,4 volte maggiore di ferirsi durante una caduta rispetto ad altri pazienti traumatizzati.

E tra tutti i pazienti con lesioni legate alla caduta, quelli con recenti prescrizioni di oppioidi avevano il 58% in più di probabilità di decesso in ospedale rispetto ai pazienti che non stavano usando questi antidolorifici.
Nel presente studio, il 92% dei pazienti è stato ferito in caso di cadute e il 59% dei pazienti ha richiesto un intervento chirurgico. La metà di loro è stata ricoverata in ospedale per almeno 12 giorni.

Quasi il 5% dei pazienti che avevano recentemente assunto una prescrizione di oppioidi era stato ferito in una caduta, rispetto all'1,5% delle persone con altri tipi di lesioni.
La stragrande maggioranza di questi pazienti traumatizzati non era stata prescritta oppioidi entro le due settimane prima della lesione.

È possibile che il dolore cronico o i problemi di salute che hanno portato alle prescrizioni di oppioidi, e non gli stessi antidolorifici, possano effettivamente causare cadute, hanno evidenziato gli autori.
Secondo gli autori, i risultati suggeriscono comunque che i pazienti anziani dovrebbero prendere in considerazione l'uso di altri antidolorifici come il paracetamolo o farmaci antiinfiammatori non steroidei (FANS) come prima scelta.

“Questo studio non è stato progettato per dimostrare se o come gli oppioidi potrebbero causare direttamente cadute o incidenti mortali” hanno osservato gli autori. “Un altro limite è che hanno esaminato i dati di prescrizione ed è possibile che alcuni pazienti non abbiano assunto oppioidi prescritti dai medici”.

"Tuttavia L'effetto degli oppioidi è simile all'alcol: i riflessi sono più lenti e l’equilibrio ne risente, il che ti fa più facilmente cadere", ha precisato l'autore dello studio principale, Raoul Daoust dell'Università di Montreal in Quebec.

"Gli oppioidi agiscono sul sistema nervoso centrale e spesso hanno un effetto sedativo, quindi le persone possono sentirsi più sonnolenti dopo aver assunto oppioidi o possono sperimentare un ridotto funzionamento motorio, che può far loro perdere l'equilibrio e diventare più a rischio di cadute. I risultati suggeriscono che i pazienti dovrebbero prendere in considerazione antidolorifici alternativi quando possibile ed essere consapevoli del potenziale rischio di cadute con gli oppioidi, ha affermato Brendan Saloner, ricercatore della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora che non è stato coinvolto nello studio.

"Tuttavia, le persone che assumono oppioidi sono spesso più fragili a causa della loro storia medica, e la loro disabilità alla base può anche aumentare il rischio di cadute - per esempio, potrebbero essere persone che usano camminatori o che hanno problemi di vista", ha aggiunto Saloner.

Non si può dunque trarre una conclusione definitiva da questi dati, da un lato gli oppioidi possono rallentare i riflessi incidendo sull’equilibrio ma dall’altro questi pazienti hanno diversi problemi che influiscono sulle abilità motorie. Come suggeriscono gli autori ed altri esperti che hanno commentato i risultati, bisogna porre cautela nell’uso di questi farmaci nei pazienti anziani e in alcuni casi considerare anche l’uso di antidolorifici non oppioidi.

Daoust R et al., Recent opioid use and fall-related injury among older patients with trauma. CMAJ. 2018 Apr 23;190(16):E500-E506. doi: 10.1503/cmaj.171286.

leggi