Oppioidi nel trattamento dell'emicrania, non efficaci ma ancora molto prescritti

Dolore

Uno studio che ha valutato il valore degli oppioidi nel trattamento dell'emicrania ha riconfermato i risultati ottenuti da studi svolti in precedenza secondo cui questi farmaci sono una scelta comune per trattare questa tipologia di mal di testa ma spesso associati a risultati peggiori rispetto ad altre terapie.

Uno studio che ha valutato il valore degli oppioidi nel trattamento dell'emicrania ha riconfermato i risultati ottenuti da studi svolti in precedenza secondo cui questi farmaci sono una scelta comune per trattare questa tipologia di mal di testa ma spesso associati a risultati peggiori rispetto ad altre terapie.

Lo studio è stato condotto per confrontare i pazienti con emicrania che attualmente usano oppioidi con quelli che non hanno mai usato o non usano più oppioidi per l'emicrania. I ricercatori sono stati motivati dall'evidenza che, nonostante ciò che è attualmente noto sulla loro mancanza di efficacia nel trattamento dell'emicrania, questi farmaci continuano ad essere prescritti comunemente.

"L'uso di oppiacei per l'emicrania rimane un grosso problema. Ciò sottolinea la continua necessità di una migliore comprensione della fisiopatologia dell'emicrania e dei miglioramenti nella cura. Sullo sfondo dell'epidemia di oppiacei negli Stati Uniti, è preoccupante che le persone con emicrania stiano ancora usando oppioidi", ha dichiarato la prof.ssa Sait Ashina, assistente professore di neurologia e anestesia presso la Harvard Medical School di Boston, che ha diretto lo studio.

Un sondaggio su Internet ha fornito i dati per lo studio OVERCOME (Observational Survey Of The Epidemiology, Treatment And Care of Migraine), che sono stati raccolti nel 2018 e si sono basati su criteri diagnostici nella classificazione internazionale dei disturbi del mal di testa, terza edizione, contribuendo con osservazioni da più di 20.000 intervistati. Il campione era rivolto ai partecipanti con emicranie più frequenti: quattro giorni di emicrania al mese o più, per lo più femminili e per lo più bianchi. Sono state analizzate diverse variabili oltre alla gravità e al numero di mal di testa, tra cui dolore cronico al collo e alla schiena, fibromialgia, artrosi, ansia e depressione.

Nel complesso, l'uso di oppiacei è stato associato a peggioramenti del dolore, aumento del mal di testa, malattie psicologiche più complicate e disabilità peggiore (per gli intervistati con quattro giorni di emicrania al mese o più).

Risultati statisticamente significativi (p<0,05) sono stati ottenuti in confronti a coppie per tutti e tre i gruppi, con il gruppo “oppioidi attualmente in uso” che mostra i risultati peggiori, seguito dal gruppo “oppioidi precedentemente in uso”. Di tutte le categorie, la rappresentanza femminile era la più alta nel gruppo che non li aveva mai usati.

"I risultati dello studio OVERCOME sono in qualche modo sorprendenti", ha detto la dott.ssa Ashina. “Il 19% dei pazienti con emicrania (uno su cinque) ha usato oppioidi per curare l'emicrania negli ultimi 12 mesi. Il loro uso è aumentato rispetto al 16% riportato nel 2019 nell’American Migraine Prevalence and Prevention Study”.

Mentre avvertono di non fare interpretazioni causali, i ricercatori fanno ancora riferimento alla prevalenza dell'uso di oppioidi nel trattamento dell'emicrania come "un grave problema".

"Al momento abbiamo terapie convenzionali e più specifiche per l'emicrania che si sono dimostrate più sicure ed efficaci . Gli operatori sanitari, i medici prescrittori e i pazienti devono essere istruiti sui rischi associati all'uso di oppioidi e sui trattamenti specifici per l'emicrania attualmente disponibili” ha aggiunto la dott.ssa Ashina.

Studi futuri dovrebbero considerare ulteriori influenze e fattori di rischio, tra cui "sintomi associati all'emicrania, comorbidità (inclusi depressione, ansia, dolore al collo, mal di schiena e altre comorbidità del dolore) e l'uso di altri farmaci per il mal di testa e l'uso di farmaci preventivi. "Riconoscendo la crescente attenzione data alle tendenze al ribasso nell'uso di oppioidi, è inquietante sia che i potenziali rischi vengano probabilmente ignorati sia che, mentre sono disponibili metodi più efficaci, i pazienti potrebbero non riceverli” ha concluso la dr.ssa Ashina.