Dolore

Osteoartrosi, tanezumab migliora dolore e funzione. Eventi avversi maggiori alla dose più alta

Secondo i dati pubblicati su Arthritis Research and Therapy, tanezumab e FANS hanno entrambi dimostrato un miglioramento precoce e duraturo del dolore e della funzione tra i pazienti con osteoartrosi (OA) del ginocchio o dell'anca.

Secondo i dati pubblicati su Arthritis Research and Therapy, tanezumab e FANS hanno entrambi dimostrato un miglioramento precoce e duraturo del dolore e della funzione tra i pazienti con osteoartrosi (OA) del ginocchio o dell'anca.

"Per la gestione dell'OA è raccomandata una combinazione di approcci farmacologici, fisici e comportamentali, sebbene le recenti linee guida evidenzino la necessità di nuove opzioni di trattamento", hanno scritto Tuhina Neogi, della Boston University School of Medicine, e colleghi.

"La pietra angolare del trattamento farmacologico sono i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), che dimostrano efficacia per il dolore correlato all'OA negli studi clinici a breve termine e sono generalmente raccomandati rispetto ad altri agenti farmacologici", hanno aggiunto.
"Tuttavia, a causa delle potenziali complicanze gastrointestinali, cardiovascolari e renali, il loro uso non è raccomandato nei pazienti a rischio di questi eventi avversi (EA) e il loro uso a lungo termine non è raccomandato in nessun paziente".

Tanezumab era l'anticorpo monoclonale anti-NGF di Pfizer su cui Lilly aveva collaborato; è stato abbandonato l'anno scorso dopo un lungo programma clinico che non è riuscito a convincere la FDA.
Gravi effetti avversi, inclusa l'artrosi rapidamente progressiva, indicano che la classe anti-NGF è molto probabilmente morta, sebbene Regeneron e fasinumab di Teva tecnicamente rimangano in piedi.

Per studiare la sicurezza e l'efficacia del tanezumab sottocutaneo in pazienti con OA del ginocchio o dell'anca, Neogi e colleghi hanno condotto uno studio di fase 3, in doppio cieco, attivo e controllato, a gruppi paralleli.

Lo studio è stato condotto in 446 siti negli Stati Uniti, in Europa, in America Latina e nelle regioni dell'Asia-Pacifico tra giugno 2015 e febbraio 2019. Inoltre, ha impiegato un periodo di screening fino a 37 giorni, un periodo di di trattamento di 56 settimane in doppio cieco e un periodo di follow-up di 24 settimane per indagare la sicurezza.

I partecipanti dovevano avere almeno 18 anni di età, soddisfare i criteri di classificazione dell'American College of Rheumatology per l'OA dell'anca o del ginocchio e dimostrare un grado Kellgren-Lawrence di due o superiore nell'articolazione, dolore WOMAC e punteggi fisici WOMAC di cinque o più e una valutazione PGA-OA di "equo, scarso o molto scarso" al basale.
I pazienti sono stati randomizzati a ricevere tanezumab 2,5 mg più placebo orale, tanezumab 5 mg più placebo orale o un FANS orale. Il trattamento è stato somministrato ogni 8 settimane per circa 56 settimane.

I partecipanti hanno anche auto-somministrato farmaci in studio per via orale, hanno scritto i ricercatori. I pazienti hanno continuato a ricevere tanezumab per via sottocutanea dopo la settimana 16 solo se soddisfacevano determinati criteri predefiniti, inclusa una riduzione del 15% o maggiore dei punteggi del dolore WOMAC dal basale alle settimane 2, 4 o 8 e una riduzione del 30% o maggiore del punteggio alla settimana 16.

Oltre al monitoraggio dell'efficacia, i ricercatori hanno condotto esami muscolo-scheletrici e neurologici per tutta la durata dello studio.

Complessivamente, 2.996 pazienti hanno ricevuto una o più dosi del farmaco in studio. Tra questi, 1.807 partecipanti hanno ricevuto tanezumab per via sottocutanea fino alla settimana 16 e 1.312 hanno completato l'intero periodo di trattamento di 56 settimane. Dei pazienti che hanno completato il periodo di 56 settimane, 1.222 hanno completato il periodo di follow-up di sicurezza di 24 settimane.

Secondo i ricercatori, i miglioramenti nel dolore medio e della gravità del problema articolare durante il periodo di trattamento sono stati maggiori nei pazienti che hanno ricevuto tanezumab a determinati valori basali - settimane da 3 a 20 con tanezumab 2,5 mg e settimane da 4 a 24 per tanezumab 5 mg - rispetto ai pazienti che hanno ricevuto un FANS (p=0.05). In ogni gruppo incluso, la percentuale di pazienti che ha visto un miglioramento "moderato" nel punteggio del dolore WOMAC era dal 68,9% al 72,9% alla settimana 16 e dal 51,2% al 53,1% alla settimana 56, hanno scritto i ricercatori.

Per i pazienti che hanno ottenuto un miglioramento "sostanziale" nella metrica, le proporzioni erano dal 51,5% al ​​56,5% alla settimana 16 e dal 41,5% al ​​44,3% alla settimana 56, hanno aggiunto.

Per quanto riguarda la sicurezza, la maggior parte degli eventi avversi o delle interruzioni si sono verificati nel gruppo che ha ricevuto tanezumab 5 mg, con il 67,1% dei pazienti che ha manifestato un evento avverso, l'8% un evento avverso grave e l'8,8% che ha interrotto la terapia. Il tasso di eventi avversi e interruzioni è stato simile nei gruppi tanezumab 2,5 mg e FANS.

"Questo studio è la valutazione più lunga di tanezumab nei partecipanti con OA fino ad oggi (trattamento di 56 settimane e follow-up di sicurezza di 24 settimane), il che è degno di nota poiché i dati degli studi a lungo termine sui trattamenti dell'OA, inclusi i FANS, sono generalmente carenti, Neogi e colleghi hanno scritto. “Sebbene il tanezumab fosse ben tollerato nella maggior parte dei partecipanti, gli eventi di sicurezza articolare dose-dipendenti si sono verificati più frequentemente con tanezumab rispetto ai FANS e dovrebbero essere presi in considerazione quando si valuta il profilo rischio/beneficio complessivo di tanezumab”.

Tuhina Neogi et al., Observed efficacy and clinically important improvements in participants with osteoarthritis treated with subcutaneous tanezumab: results from a 56-week randomized NSAID-controlled study

leggi