Overdose da analgesici causa di morte più frequente dell'AIDS tra i senzatetto

Dolore
Le overdose di farmaci, in particolare di analgesici su prescrizione ed eroina, hanno superato l’AIDS come prima causa di morte tra i senzatetto, secondo uno studio sugli ‘homeless’ residenti nell’area di Boston pubblicato qualche giorno fa online su JAMA Internal Medicine.


Nella coorte studiata, in particolare, le overdose di farmaci sono risultate responsabili di un terzo dei decessi tra i barboni con meno di 45 anni, decessi dovuti nell’81% dei casi agli oppiodi. 


La ricerca, che abbraccia un arco temporale di 5 anni, è stata fatta sui senzatetto assistiti dal Boston Health Care for the Homeless Program, ma le sue conclusioni generali, secondo gli autori, si applicano alle popolazioni dei senzatetto che vivono in molte aree urbane degli Stati Uniti.


Secondo l'autore principale dello studio, Travis Baggett, del Massachusetts General Hospital, l’aumento osservato di tre volte del tasso di mortalità dovuta a overdose di farmaci riflette un aumento complessivo dell’abuso di antidolorifici che sta avendo luogo nel Paese, non solo tra gli ‘homeless’. “Tra i senzatetto tendono a manifestarsi in modo amplificato i problemi di salute che si stanno verificando anche nella popolazione generale" ha detto Baggett.


I ricercatori hanno seguito 28.033 adulti senza fissa dimora a partire dal 2003 fino al 2008, valutando i tassi di mortalità complessiva e specifica. Hanno visto così che tra i decessi, il 17% è avvenuto per overdose, contro il 6% per cause collegate all'HIV. Praticamente un’inversione di tendenza  rispetto ai dati evidenziati da uno studio eseguito 15 anni prima, quando il 6% delle morti erano risultate dovute a overdose e il 18% all'AIDS.


Dopo le overdose da farmaci, la seconda e la terza causa di morte tra i senzatetto di Boston sono risultati rispettivamente il cancro e le patologie cardiache, responsabili, nell’insieme, del 16% dei decessi. 


Lo studio mostra, inoltre, che i senzatetto hanno una probabilità di morire in un determinato anno significativamente più alta rispetto ai loro coetanei del resto della popolazione, e in particolare la probabilità è 9 volte maggiore nella fascia di età 25-44 anni e quattro volte e mezzo più elevata nella fascia di età 45-64 anni.


Il calo dei decessi dovuti all’AIDS, invece, riflette una riduzione generale dei tassi di infezione, oltre adun miglioramento delle cure e dei servizi per i pazienti rispetto all’epoca dello studio precedente, condotto durante gli anni del picco dell'epidemia di AIDS degli Stati Uniti.


L'aumento dei decessi dovuti a overdose ha spinto il Boston Health Care for the Homeless Program a cambiare i propri approcci di cura. "Dobbiamo diventare esperti nell’integrazione dei servizi per il trattamento delle tossicodipendenze all’interno dell’assistenza medica complessiva” ha detto Jessie Gaeta, direttore del programma, aggiungendo che sarà fatta una rivalutazione critica delle modalità di prescrizione degli oppioidi. 


Tra i possibili cambiamenti presi in considerazione ci sono la riduzione della quantità complessiva prescrivibile di antidolorifici e la prescrizione di naloxone, che può essere utilizzato come antidoto in caso di overdose.


Il dolore cronico, legato a cause che vanno dal cancro all'artrite, è un problema comune tra i senzatetto, ha spiegato Gaeta, e i medici del Boston Health Care for the Homeless Program continuano a prescrivere analgesici ad alcuni dei pazienti assistiti regolarmente dal programma. Ma hanno anche intensificato il loro sforzi per consigliare i pazienti sull’impiego corretto dei farmaci e su come difendersi dai furti.


Il rapporto tra il non avere una casa e l'abuso di droga si autoalimenta. Quest’ultimo, infatti, può aumentare le probabilità di una persona di perdere la propria casa, rendendo più probabili anche la perdita del lavoro o i conflitti famigliari, ma anche rendendo più difficile trovare un ricovero, perché alcune associazioni di assistenza ai senzatetto non accettano chi fa uso di droga.


T.P. Baggett, et al. Mortality Among Homeless Adults in BostonShifts in Causes of Death Over a 15-Year Period. JAMA Intern Med. 2013; doi:10.1001/jamainternmed.2013.1604
leggi
SEZIONE DOWNLOAD