Dolore

Paracetamolo nel dolore lieve-moderato, un review mostra efficacia e sicurezza anche quando associato alla codeina

Il paracetamolo utilizzato da solo o in associazione alla codeina si Ŕ mostrato sicuro ed efficace come analgesico per gli adulti. Questo Ŕ quanto riportato in un lavoro pubblicato sulla rivista Current Medical research and opinion, in cui gli autori sottolineano che grazie al suo profilo di sicurezza e tollerabilitÓ il paracetamolo Ŕ rimasto un trattamento di prima linea in molte linee guida internazionali.

Il paracetamolo utilizzato da solo o in associazione alla codeina si è mostrato sicuro ed efficace come analgesico per gli adulti. Questo è quanto riportato in un lavoro pubblicato sulla rivista Current Medical research and opinion, in cui gli autori sottolineano che grazie al suo profilo di sicurezza e tollerabilità il paracetamolo è rimasto un trattamento di prima linea in molte linee guida internazionali.
E’ il farmaco presente in tutte le case, sono decenni che viene utilizzato a livello mondiale e si trova in farmacia come prodotto da banco eppure del paracetamolo non conosciamo, ma ipotizziamo da anni, il meccanismo d’azione. Negli ultimi tempi il ruolo futuro di questo analgesico è stato seriamente messo in discussione; questo deriva da recenti preoccupazioni circa la sicurezza prenatale, gli effetti cardiovascolari (CV), la sicurezza epatica, e anche l’efficacia analgesica.
La codeina è un alcaloide naturale che si estrae dal papavero da oppio. Nonostante la sua disponibilità in natura, attualmente, la codeina viene prodotta soprattutto per via sintetica. Ha proprietà analgesiche (spesso associata con altri FANS, in particolar modo al paracetamolo) e anche antitussive.
Anche l'utilità della codeina in prodotti di combinazione è stata oggetto di discussione negli ultimi anni.
Per analizzare i dati derivanti dagli studi presenti in letteratura su questi due farmaci il dr. Kress e il dr. Untersteiner  della Medical University/AKH di Vienna hanno effettuato una ricerca bibliografica sulla banca dati di PubMed considerando i termini efficacia, sicurezza abbinati alle parole paracetamolo e codeina e loro combinazioni fino a giugno 2016.
Sono stati considerati tutti gli studi in cui il paracetamolo era stato adoperato per via orale, da solo o in combinazione con la codeina, per lenire il dolore lieve-moderato in soggetti adulti.
Sono stati evidenziati benefici e rischi dei trattamenti e sono stati messi a confronto i rispettivi profili di efficacia e sicurezza con quelli di farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS).
Gli autori sottolineano nell’articolo che considerando che esiste una chiara associazione tra l’uso dei FANS e la mortalità e morbilità gastrointestinale (GI) e cardiovascolare (CV), gli studi sul paracetamolo con e senza la codeina supportano l'uso raccomandato anche in individui più vulnerabili, come gli anziani, le donne in gravidanza, alcolisti, e pazienti compromessi a livello GI e CV.
Le polemiche e le idee sbagliate diffuse sul complesso metabolismo epatico e sulla potenziale epatotossicità sono stati corretti da recensioni recenti, e il paracetamolo rimane l’analgesico non oppiaceo di prima linea nei pazienti con malattie epatiche, se vengono applicate le giuste cautele.
In conclusione, come evidenziano i due ricercatori, grazie al suo profilo di sicurezza e tollerabilità il paracetamolo è rimasto un trattamento di prima linea in molte linee guida internazionali. Utilizzato da solo e con la codeina è una scelta sicura ed efficace negli adulti, mentre i FANS sono meno sicuri come alternative, dato il rischio gastrointestinale, potenzialmente fatale, e gli effetti negativi cardiovascolari.
Kress HG, Untersteiner G. Clinical update on benefit versus risks of oral paracetamol alone or with codeine: still a good option? Curr Med Res Opin. 2016 Nov 15:1-16. 

leggi