Parkinson, contro il dolore ci pensa la combinazione ossicodone/naloxone

Dolore
La combinazione ossicodone/naloxone (OXN PR) a rilascio prolungato può fornire sollievo per i pazienti con dolore severo legato al morbo di Parkinson. E’ quanto evidenziato da uno studio in doppio cieco randomizzato i cui risultati sono stati presentati a Berlino la scorsa settimana durante il congresso dell’European Academy of Neurology.
Nel Parkinson il dolore si verifica in maniera indiretta a causa dell'interferenza con la funzione dei muscoli e della articolazioni, per cui il tipo di dolore riferito più di frequente è quello a carico dell'apparato muscolo-scheletrico, come i crampi muscolari.
I crampi notturni compaiono in quei pazienti che sono affetti da rigidità notturna. Di notte, contrariamente a quanto avviene di giorno, la terapia farmacologica è ridotta e quindi diminuiscono i livelli di dopamina nel plasma e nel tessuto cerebrale con susseguente minor controllo della sintomatologia.
Nello studio presentato a Berlino, durante le 16 settimane di trattamento, i pazienti che hanno assunto OXN PR hanno avuto meno dolore rispetto ai soggetti trattati con placebo. Le differenze erano significative a  4, 8 e 12 settimane, ma non alla settimana 16, che era l'endpoint primario.
Durante la presentazione dei risultati la dr.ssa Anna Sauerbier (King College di Londra, UK) ha osservato che la differenza dopo 16 settimane si avvicina molto alla significatività statistica (p=0,058) che è stata raggiunta nella popolazione per protocollo.
Solo tre dei 93 pazienti trattati con OXN PR sono usciti dallo studio a causa della mancanza di efficacia, rispetto ai 14 dei 109 pazienti trattati con placebo.
Tutti i pazienti avevano un punteggio medio del dolore nelle 24 ore di almeno 6 su una scala da 0 (assenza di dolore) a 10 (peggior dolore immaginabile) nei 7 giorni prima della randomizzazione.
I soggetti hanno quindi assunto OXN PR alla dose di 5,0/2,5 mg due volte al giorno, che poteva essere aumentata fino ad un massimo di 20,0/10,0 mg due volte al giorno.
"Gli operatori sanitari sembrano essere un po 'riluttanti a utilizzare oppiacei in particolare per il morbo di Parkinson senza evidenza di profili di sicurezza, efficacia o effetti collaterali ", ha osservato la dr.ssa Sauerbier.
Dopo la fase in doppio cieco, 64 pazienti del gruppo OXN PR e 87 del gruppo placebo sono entrati in una fase in aperto dello studio durante la quale tutti hanno ricevuto OXN PR.
La dr.ssa Sauerbier ha evidenziato che la dose di oppioidi complessiva utilizzata in questa fase era più bassa tra i pazienti che avevano usato OXN PR dall'inizio del processo, e che la dose media di ossicodone usato, di 18,8 mg, era inferiore alla metà della dose massima consentita e più bassa rispetto alla dose iniziale di 20 mg utilizzate nella gestione generale del dolore.
Tutte le forme di dolore riferito sono migliorate, ma il più grande miglioramento è stato visto nel dolore notturno e anche nel dolore muscolo-scheletrico. Quest'ultimo è stato anche la forma più comune di dolore, che si verificata in circa tre quarti dei pazienti.
I ricercatori hanno evidenziato che il profilo degli effetti collaterali era come anticipato. La costipazione è stata più frequente nel gruppo OXN PR, ma non era grave.
In risposta ad una domanda da parte del pubblico, la dr.ssa Sauerbier ha commentato che il trattamento con oppioidi non sembra influenzare il rischio di allucinazioni, ma ha osservato che la dose complessiva utilizzata è stata relativamente bassa e diversi effetti potrebbero emergere a dosi più elevate.
Tuttavia, ha descritto il loro studio come un trial pilota e ha detto che sono necessarie ulteriori ricerche.
Emilia Vaccaro
Sauerbier A. European Academy of Neurology congress, Berlin
leggi
SEZIONE DOWNLOAD