Sanguinamento mestruale, cosa utilizzare quando è abbondante e doloroso?

Il sanguinamento mestruale abbondante è una causa importante di cattiva salute nelle donne in premenopausa. Una revisione di studi pubblicata sul database Cochrane ha evidenziato che gli antinfiammatori non steroidei (FANS) riducono il flusso mestruale. Una riduzione è stata osservata anche con altri trattamenti (progestinico luteale orale, etamsilato e sistemi intrauterini a rilascio di progesterone o la pillola contraccettiva orale) ma tali risultati andrebbero riconfermati.

Il sanguinamento mestruale abbondante è una causa importante di cattiva salute nelle donne in premenopausa. Una revisione di studi pubblicata sul database Cochrane ha evidenziato che gli antinfiammatori non steroidei (FANS) riducono il flusso mestruale. Una riduzione è stata osservata anche con altri trattamenti (progestinico luteale orale, etamsilato e sistemi intrauterini a rilascio di progesterone o la pillola contraccettiva orale) ma tali risultati andrebbero riconfermati.

Sebbene la chirurgia sia spesso usata per ridurre le mestruazioni abbondanti, sono disponibili anche una serie di terapie mediche. I FANS riducono i livelli di prostaglandine, che sono elevati nelle donne con sanguinamento mestruale eccessivo e possono anche avere un effetto benefico sulla dismenorrea, cioè il dolore che accompagna questo problema.

Da un lavoro pubblicato nel 2015 da Graziottin e Zanello si evince che un ciclo è abbondante è collegato a: aumento di quasi 5 volte del dolore mestruale; causa anemia da carenza di ferro con stanchezza, difficoltà di attenzione, concentrazione e memoria; raddoppia il rischio di depressione con riduzione dell’energia vitale e del desiderio sessuale; raddoppia il rischio di endometriosi che a sua volta aumenta il rischio di dolore pelvico, infertilità, dolore durante i rapporti e menopausa precoce.

Al fine di determinare l'efficacia, la sicurezza e la tollerabilità dei FANS nel raggiungimento di una riduzione della perdita di sangue mestruale (MBL) nelle donne in età riproduttiva con mestruazioni abbondanti, i ricercatori del dipartimento di Ostetricia e Ginecologia dell’Università di Auckland in Nuova Zelanda hanno eseguito una revisione sistematica della letteratura.

Sono stati analizzati il registro specializzato Cochrane Gynecology and Fertility, il registro centrale Cochrane di studi online, MEDLINE, Embase, PsycINFO, i registri degli studi clinici e gli elenchi di articoli di riferimento.
I criteri di inclusione erano confronti randomizzati di singoli FANS o combinati con altre terapie mediche tra loro, placebo o altri trattamenti medici in donne con mestruazioni abbondanti ma regolari misurate oggettivamente o soggettivamente e non generati da cause patologiche o iatrogene (indotte dal trattamento).

Sono stati identificati 19 studi randomizzati controllati (RCT) (759 donne) che soddisfacevano i criteri di inclusione per questa recensione e due autori di revisione hanno estratto indipendentemente i dati.
Sono stati stimati i rapporti di probabilità (OR) per esiti dicotomici e differenze medie (MD) per esiti continui dai dati di nove studi.

I risultati hanno mostrato che considerato come intero gruppo, i FANS erano più efficaci del placebo nel ridurre il flusso mestruale ma meno efficaci dell'acido tranexamico, del danazolo (steroide sintetico) o del sistema intrauterino a rilascio di levonorgestrel (LNG IUS).

I pazienti trattati con danazolo hanno avuto una durata più breve delle mestruazioni e un numero maggiore di eventi avversi rispetto ai FANS, ma ciò non sembra aver influenzato l'accettabilità del trattamento, sulla base di studi condotti dal 1980 al 1990.
Tuttavia, attualmente il danazolo non è un trattamento normale o raccomandato per il ciclo mestruale abbondante. Il danazolo viene utilizzato nel trattamento di alcuni casi di endometriosi o di mastopatia fibrocistica. Inoltre può essere utile in caso di angioedema.

Non sono emerse chiare differenze tra i FANS e gli altri trattamenti (progestinico luteale orale, etamsilato (antiemorragico), un sistema intrauterino a rilascio di progesterone più vecchio e la pillola contraccettiva orale (OCP), ma la maggior parte degli studi avevano una bassa potenza.

Non sono state osservate differenze tra i singoli FANS (naprossene e acido mefenamico) nel ridurre l’abbondanza delle mestruazioni. La qualità delle prove variava da bassa a moderata, i limiti principali erano il rischio di parzialità e imprecisione.

Gli autori hanno concluso che i FANS riducono l’ipermenorrea rispetto al placebo, ma sono meno efficaci dell'acido tranexamico, del danazolo o del GNL IUS. Tuttavia, gli eventi avversi sono più gravi con la terapia con danazolo. Nel numero limitato di piccoli studi adatti per la valutazione, non vi era alcuna chiara evidenza di una differenza di efficacia tra FANS e altri trattamenti medici come progestinico luteale orale, etamsilato, OCP o il vecchio sistema intrauterino a rilascio di progesterone.

Rodriguez B.M1, Lethaby A, Farquhar C.
Non-steroidal anti-inflammatory drugs for heavy menstrual bleeding. Cochrane Database Syst Rev. 2019 Sep 19;9:CD000400. doi: 10.1002/14651858.CD000400.pub4.
leggi

Graziottin A. Zanello P.P. Mestruazione, infiammazione e comorbilità: implicazioni per la salute della donna. Minerva Ginecologica 2015 Febbraio; 67 (1): 21-34.
leggi