Dolore

Sindrome da dolore regionale complesso, sintomi presenti anche in etÓ adulta nei pazienti diagnosticati da bambini

Secondo uno studio pubblicato su Pain Reports, i pazienti a cui Ŕ stata diagnosticata la sindrome da dolore regionale complesso (CRPS) durante l'infanzia o la prima etÓ adulta manifestano sintomi di dolore di lunga durata.

Secondo uno studio pubblicato su Pain Reports, i pazienti a cui è stata diagnosticata la sindrome da dolore regionale complesso (CRPS) durante l'infanzia o la prima età adulta manifestano sintomi di dolore di lunga durata.

La sindrome dolorosa regionale complessa (CRPS) è una condizione di dolore neuropatico ad eziologia sconosciuta. Viene definita dalla IASP (Associazione internazionale per lo studio del dolore) come una condizione di dolore cronico caratterizzata da dolore localizzato che può essere spontaneo o evocato e normalmente ha origine ad una estremità. Il dolore riportato è sproporzionato per
intensità o durata rispetto a quello atteso per il tipo di trauma che l'ha indotto.

Poco si sa dei risultati a lungo termine dei giovani adulti a cui è stata diagnosticata la CRPS da bambini.

I pazienti trattati per CRPS presso lo Stanford Children’s Heath e il Packard Children’s Hospital di Stanford tra il 1994 e il 2018 hanno ricevuto un sondaggio tramite posta. Il questionario includeva lo Short Form-8 (SF-8) Health Survey e valutava lo stato attuale dei sintomi di CRPS.

Questa analisi ha incluso 53 sondaggi completati, con un tasso di risposta del 50%. I pazienti avevano un'età di 13,5±2,2 anni al momento della diagnosi, 19,1±2,0 anni al momento del sondaggio, il 77% degli intervistati erano donne e 40 erano bianchi.

Tutti i partecipanti hanno riferito di aver ricevuto un modello di trattamento multidisciplinare, che è la cura standard per la CRPS pediatrica. Il tempo medio di follow-up è stato di 6,0 anni (range, 19 mesi-13,5 anni) e la maggior parte è stato trattato in regime ambulatoriale (60%).

I pazienti hanno ricevuto blocchi dei nervi periferici e/o simpatici (76%), psicoterapia (83%) e terapia fisica (100%). Ai pazienti sono stati prescritti gabapentin (77%) e inibitori triciclici o della ricaptazione della serotonina-norepinefrina (81%).

Al momento del sondaggio, il 68% soffriva di dolore e il 38% aveva una diffusione dei sintomi della CRPS. Il dolore riportato era correlato all'età della diagnosi, in cui con ogni incremento di 1 anno, le probabilità di dolore aumentavano di 1,61 (p=0,005).

La metà dei partecipanti ha indicato di assumere attualmente almeno 1 farmaco oppioide. I pazienti a cui sono stati prescritti oppioidi hanno riportato più dolore all'arto e dolore corporeo generale grave.

Il punteggio della componente fisica (PCS) riportato dell'SF-8 era 44,4 (IC 95%, 3,3) e 43,4 (IC 95%, 3,4) per la componente mentale (MCS), entrambi inferiori al punteggio medio degli adulti negli Stati Uniti.
Questi punteggi non differivano significativamente tra i pazienti con dolore (PCS: 39,3±10,8; MCS: 40,9±11,7) o senza (PCS: 55,7±4,0; MCS: 48,83±12,6).

Questo studio potrebbe essere stato limitato dal tasso di risposta tra gli individui più anziani. I ricercatori hanno tentato di contattare ex pazienti utilizzando il loro indirizzo fisico, indirizzo e-mail o telefono. I pazienti che erano stati trattati presso il centro durante gli anni '90 erano più difficili da contattare, poiché le loro informazioni di contatto non erano aggiornate. Non è chiaro da questi dati quali livelli di dolore siano stati sperimentati dai pazienti decenni dopo la diagnosi di CRPS.

I giovani adulti di questo campione avevano sintomi di dolore di lunga durata. Più di due terzi dei pazienti adulti hanno riportato un certo grado di dolore e questi pazienti hanno avuto una qualità di vita inferiore. Il dato incoraggiante è che la maggioranza non aveva la CRPS diffusa in altre aree e il dolore non giustificava un ulteriore trattamento.

Nonostante la convinzione prevalente che la prognosi a breve termine di CRPS tra i bambini sia favorevole in quasi tutti i casi, questi dati hanno indicato che solo una minoranza di individui che sono stati trattati per CRPS infantile sono privi di sintomi o malattia durante la prima età adulta.

Comprendere i risultati a lungo termine può portare a una stratificazione del rischio precoce nella malattia per migliorare la qualità della vita futura.

Wong B J, Yoon I A, and Krane E J. Outcome in young adults who were diagnosed with complex regional pain syndrome in childhood and adolescence. Pain Rep. 2020;5(6):e860.

leggi


SEZIONE DOWNLOAD