Dolore

Sintomi multisito simil-fibromialgia in oltre il 40% dei long Covid

Uno studio retrospettivo osservazionale ha evidenziato che in oltre il 40% dei pazienti con lunga esperienza di COVID si manifesta un dolore multisito "simile alla fibromialgia". I dati dello studio sono stati diffusi attraverso un comunicato stampa della Tonix Pharmaceuticals.

Uno studio retrospettivo osservazionale ha evidenziato che in oltre il 40% dei pazienti con lunga esperienza di COVID si manifesta un dolore multisito "simile alla fibromialgia". I dati dello studio sono stati diffusi attraverso un comunicato stampa della Tonix Pharmaceuticals.

Il long COVID è ufficialmente noto come Post-Acute Sequelae of COVID-19 (PASC3).

L'obiettivo dello studio del database retrospettivo era valutare la proporzione di pazienti con long COVID che sperimentano dolore multisito simile alla fibromialgia e misurare l’utilizzo di oppiacei.
Lo studio che ha coinvolto più di 50.000 pazienti con long COVID ha anche dimostrato che un alto tasso di partecipanti ha riportato l'uso di oppioidi.

Nello studio, oltre il 40% dei pazienti con sintomi di long COVID presentava dolore multisito simile alla fibromialgia. Inoltre, l'uso di oppioidi rilevato era del 36% nei pazienti con sintomi di dolore multisito rispetto al 19% dei pazienti senza dolore multisito. Nei pazienti con dolore multisito, l'uso di oppiacei è aumentato al 39% dei pazienti quando era presente affaticamento e al 50% dei pazienti quando era presente insonnia.

Per lo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati della rete TriNetX Dataworks USA, che contiene cartelle cliniche di 48 strutture sanitarie statunitensi. Su 1 milione di pazienti nella rete a cui è stato diagnosticato il COVID-19, circa 52.000 hanno mostrato lunghi sintomi di COVID tra 3 e 6 mesi dopo l'infezione acuta.

Secondo quanto riferisce l’azienda la scoperta che oltre il 40% dei pazienti con long COVID in questo campione presenta sintomi di dolore multi-sito simili alla fibromialgia suggerisce che dovrebbero essere in grado di reclutare una solida coorte di partecipanti per valutare gli effetti di TNX-102 SL nel trattamento di questa condizione.

Inoltre, proseguono, questi risultati suggeriscono che il gruppo di pazienti con long COVID con dolore multisito simile alla fibromialgia rappresenta una parte significativa di questa popolazione sottoservita. Infine, l'alto livello di consumo di oppiacei rivela l'urgenza di fornire un'analgesia non oppioide efficace che sia mirata al dolore diffuso ritenuto di natura nociplastica, il che significa che l'aumento del dolore al SNC e l'elaborazione sensoriale, così come l'alterata modulazione del dolore, svolgono un ruolo importante.

L'endpoint primario di efficacia del prossimo studio di Fase 2 sarà quindi il cambiamento rispetto al basale nella media settimanale dei punteggi giornalieri di peggiore intensità del dolore auto-riferiti.
Lo studio ha utilizzato i dati della rete TriNetX Dataworks USA; si tratta di una rete federata di cartelle cliniche elettroniche relative a persone ricoverate e ambulatoriali non identificate di 48 organizzazioni sanitarie statunitensi.

Su 75 milioni di persone nella rete, a circa 1 milione di adulti (18-65) era stato diagnosticato un COVID-19 acuto. Di questi, circa 260.000 sono stati seguiti da un operatore sanitario nella rete entro sei mesi dall'insorgenza di COVID-19 acuto. Di questi, circa 52.000 presentavano sintomi di COVID-19 lungo nel periodo compreso tra 3 e 6 mesi dopo il COVID-19 acuto, che era il lasso di tempo per l'analisi dei codici diagnostici coerenti con dolore multisito, affaticamento e insonnia.

Tonix Pharmaceuticals ha recentemente annunciato che la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha autorizzato l'applicazione Investigational New Drug (IND) per supportare uno studio clinico di fase 2 con TNX-102 SL4 (compresse di ciclobenzaprina HCl per somministrazione sublinguale) come potenziale trattamento per un sottoinsieme di pazienti con long COVID i cui sintomi si sovrappongono alla fibromialgia e prevede di iniziare questo studio nel secondo trimestre.

La società a marzo ha annunciato che TNX-102 SL non era riuscito a raggiungere la significatività statistica nella riduzione del dolore fibromialgico rispetto al placebo in uno studio di fase 3.

leggi