Dolore

Tramadolo e rischio frattura dell'anca, quale collegamento?

Il farmaco analgesico tramadolo Ŕ associato a un rischio pi¨ elevato di fratture dell'anca rispetto alla codeina e agli antinfiammatori non steroidei (FANS) comunemente utilizzati. E' quanto evidenziano i risultati di uno studio di popolazione pubblicato su Journal of Bone and Mineral Research.

Il farmaco analgesico tramadolo è associato a un rischio più elevato di fratture dell’anca rispetto alla codeina e agli antinfiammatori non steroidei (FANS) comunemente utilizzati. E’ quanto evidenziano i risultati di uno studio di popolazione pubblicato su Journal of Bone and Mineral Research.

“Uno studio di coorte basato sulla popolazione pubblicato di recente ha riportato un tasso di mortalità per tutte le cause significativamente più elevato con l'uso del tramadolo rispetto ai FANS comunemente usati tra i pazienti con osteoartrosi; tuttavia, i meccanismi specifici che collegano l'uso del tramadolo ad un aumentato rischio di mortalità rimangono poco chiari ”, hanno scritto Yuqing Zhang, DSc, professore di medicina presso il Massachusetts General Hospital e la Harvard Medical School, e colleghi.

Ad oggi, diversi studi hanno evidenziato che l'uso del tramadolo potrebbe aumentare il rischio di cadute (un forte fattore di rischio di frattura), ma solo pochi studi hanno affrontato la potenziale relazione tra l'uso del tramadolo e il rischio di frattura, e i risultati sono inconcludenti .

Inoltre, pochi, studi hanno confrontato il rischio di frattura dell'anca, che si colloca tra le prime 10 principali cause di disabilità a livello globale, tra gli utilizzatori di tramadolo e chi utilizza analgesici comunemente usati. "

Zhang e colleghi hanno analizzato i dati contenuti nell’Health Improvement Network (THIN), un database di cartelle cliniche di 770 pratiche generali nel Regno Unito, considerando soggetti adulti di almeno 50 anni senza una storia di frattura dell'anca, cancro o disturbo da uso di oppiacei tra il 2000 e il 2017.

I ricercatori hanno valutato cinque coorti sequenziali in base al punteggio di propensione (età media, 65,7 anni; 56,9% donne), inclusi partecipanti che hanno iniziato tramadolo (n=146.596) o iniziato codeina (n=146.956), naprossene (n=115.109), ibuprofene (n=107.438), celecoxib (n=43.130) o etoricoxib (n= 27.689).
L'outcome primario era la frattura dell'anca nel primo anno di utilizzo del farmaco.

Durante l’anno di follow-up, i ricercatori hanno osservato 518 fratture dell'anca tra gli adulti in trattamento con tramadolo, per un tasso di 3,7 per 1.000 persone-anno e 401 fratture dell'anca tra gli adulti nella coorte di codeina, per un tasso di 2,9 per 1.000 persone-anno.

Rispetto alla codeina, l'HR per la frattura dell'anca negli adulti in terapia con tramadolo era 1,28 (IC 95%, 1,13-1,46).
Il rischio di frattura dell'anca era anche più elevato nella coorte tramadolo rispetto alla coorte naprossene (HR=1,69; IC 95%, 1,41-2,03), ibuprofene (HR=1,65; IC 95%, 1,39-1,96), celecoxib (HR=1,85 ; IC al 95%, 1,4-2,44) o etoricoxib (HR=1,96; IC al 95%, da 1,34 a 2,87).

Concludendo, i ricercatori hanno osservato che i risultati suggeriscono che è necessario rivedere le linee guida sull'uso del tramadolo nella pratica clinica. "Considerando il significativo impatto della frattura dell'anca sulla morbilità, sulla mortalità e sui costi dell'assistenza sanitaria, i nostri risultati indicano la necessità di considerare il rischio di frattura associato all’uso di tramadolo nella pratica clinica e nelle linee guida di trattamento".


Wei J. et al., Association of Tramadol Use With Risk of Hip Fracture. J Bone Miner Res. 2020 Feb 5. doi: 10.1002/jbmr.3935. [Epub ahead of print]
leggi