Trattamento dell'emicrania acuta, quali farmaci funzionano meglio?

Dolore
I triptani somministrati a dose standard raggiungono migliori risultati rispetto all’ergot nel trattamento dell’emicrania. Questo è quanto mostrato in una revisione sistematica della letteratura con network meta analisi apparsa su Headache, da cui risulta anche che i triptani assicurano risultati equivalenti o migliori rispetto ai FANS, ASA e paracetamolo e simili o leggermente inferiori alla terapia di combinazione.
Per la gestione della fase acuta dell'emicrania vengono in genere utilizzati farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), paracetamolo, segala cornuta, oppiacei e triptani. Per molti pazienti affetti da emicrania da moderata a grave, i triptani sono considerati la prima linea di terapia.
Ci sono diversi triptani disponibili e la loro efficacia è stata sempre valutata rispetto al placebo; per tale motivo vi è incertezza riguardo alla loro efficacia comparativa all’interno della classe e rispetto ad altre classi di trattamenti.
Per valutare questa efficacia un gruppo di ricercatori Canadesi ha condotto una revisione sistematica unita a una meta-analisi di rete. Il confronto è stato fatto riguardo al trattamento acuto dell’ emicrania considerando triptani, farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), acido acetilsalicilico ( ASA), acetaminofene, segala cornuta, oppioidi e antiemetici.
A tal fine sono state considerate le seguenti banche dati e librerie elettroniche: The Cochrane Library, MEDLINE, EMBASE e sono stati cercati studi randomizzati controllati che avessero confrontato i triptani (da soli o in combinazione con altri farmaci) con trattamenti controllati con placebo in pazienti con emicrania attiva.
La selezione degli studi, l'estrazione dei dati e la valutazione della qualità sono state completate in modo indipendente da più utenti. Dati di outcome sono stati combinati e analizzati utilizzando una meta-analisi di rete bayesiana. Per ogni esito sono stati calcolati odds ratio, rischio relativo e probabilità assoluta di risposta.
Un totale di 133 studi clinici controllati randomizzati hanno incontrato i criteri di inclusione. 
I risultati hanno mostrato che i triptani alla dose standard sono stati in grado di alleviare il mal di testa entro 2 ore nel 42-76% dei pazienti che risultavano liberi dal dolore a 2 ore tra il 18 e il 50% dei pazienti. I triptani alla dose standard hanno fornito sollievo dal mal di testa prolungato a 24 ore nel 29-50% dei pazienti, e la libertà sostenuta dal dolore nel 18-33% dei pazienti. L'uso di farmaci di salvataggio variava nel range 20-34%.
Considerando il sollievo a 2 ore, i triptani alla dose standard raggiungevano risultati migliori (dal 42 al 76% della risposta) rispetto alla segala cornuta (38%); risultati uguali o migliori di FANS, ASA, e paracetamolo (dal 46 al 52%); e risultati uguali o leggermente peggiori della terapia di combinazione (62-80%). Tra i singoli triptani, l’iniezione sottocutanea di sumatriptan, ODT rizatriptan, zolmitriptan ODT ed eletriptan in compresse sono stati associati con gli esiti migliori.
In conclusione, i triptani sono efficaci nell’alleviare l'emicrania. Questi farmaci alla dose standard sono associati a risultati migliori rispetto alla segala cornuta e a risultati uguali o migliori rispetto ai FANS, ASA, e paracetamolo. L'uso di triptani in associazione con ASA o acetaminofene, o utilizzando modalità alternative di somministrazione, come iniettabili, può essere associata ad esiti leggermente migliori rispetto alla dose standard di compresse di triptani.
Emilia Vaccaro
Cameron C. et al.  Triptans in the Acute Treatment of Migraine: A Systematic Review and Network Meta-Analysis. Headache. 2015 Jul 14. doi: 10.1111/head.12601. 
leggi
SEZIONE DOWNLOAD