Tre sindromi da dolore cronico condividono alcuni sintomi a carico delle vie aeree superiori

Dolore

I pazienti che soffrono di una sindrome da dolore cronico come la fibromialgia, la sindrome dell'intestino irritabile e la sindrome da affaticamento cronico, hanno alterazioni della voce e sintomi a carico delle vie aeree simili tra loro, ma differenti da quanti non provano dolore cronico. Sono gli esiti di una ricerca pubblicata sulla rivista JAMA Otolaryngology - Head & Neck Surgery.

I pazienti che soffrono di una sindrome da dolore cronico come la fibromialgia, la sindrome dell'intestino irritabile e la sindrome da affaticamento cronico, hanno alterazioni della voce e sintomi a carico delle vie aeree simili tra loro, ma differenti da quanti non provano dolore cronico. Sono gli esiti di una ricerca pubblicata sulla rivista JAMA Otolaryngology – Head & Neck Surgery.

«Spesso i pazienti che soffrono di una sindrome da dolore cronico (CPS) hanno cambiamenti della voce che non sono correlati ad anomalie anatomiche evidenti. Questi disturbi funzionali, per i quali esistono opzioni di trattamento, inclusa la terapia della voce, possono essere una manifestazione del loro processo patologico» ha affermato l’autore senior dello studio Simon Best della Hopkins University di Baltimora, nel Maryland.

Anche se i sintomi a carico delle vie aeree superiori e i disturbi della voce non sono criteri diagnostici per la fibromialgia, la sindrome dell'intestino irritabile (IBS) o la sindrome da affaticamento cronico (CFS), «la nostra osservazione è che nella pratica clinica è comune incontrare pazienti con queste tre condizioni» hanno scritto gli autori.

Per capire se i disturbi della voce e della laringe potessero avere una manifestazione clinica simile nei pazienti con le tre sindromi, i ricercatori hanno esaminato retrospettivamente le cartelle cliniche di oltre 4.000 soggetti trattati nel 2016-2017 presso il Johns Hopkins Voice Center, 215 (5,1%) dei quali avevano almeno una CPS, mentre i restanti 4.034 hanno formato il gruppo di controllo.

Sintomi condivisi nelle CPS
I pazienti con una sindrome da dolore cronico avevano una probabilità tre volte maggiore di essere femmine rispetto ai controlli e avevano in media circa due anni in più. In questi soggetti i disturbi funzionali della voce (FVD) erano significativamente più frequenti rispetto ai controlli (odds ratio, OR, 1,8), ma la patologia laringea (OR 0,774) e i problemi delle vie aeree (OR 0,474) erano significativamente meno comuni.

I pazienti con CPS avevano anche significativamente più probabilità di avere disfonia della tensione muscolare (OR 1,9) e movimento paradossale delle corde vocali (OR 2,5) rispetto al gruppo non-CPS, con risultati simili quando ogni sindrome è stata analizzata separatamente.

Supporto di un team multidisciplinare
«I disturbi funzionali della voce spesso si sviluppano in risposta ad alterazioni del funzionamento fisiologico, poiché l’emissione di suoni è una funzione neuromuscolare altamente complessa» ha continuato Best. «La CPS influisce sul funzionamento muscolare e ha effetti neurologici ad ampio raggio, quindi ha senso che i disturbi della voce facciano parte del complesso dei sintomi della condizione».

«La scoperta di un modello simile di disturbi della voce in vari tipologie di CPS è intrigante. Altri hanno suggerito che queste sindromi sono diverse manifestazioni di una fisiopatologia condivisa, e le nostre scoperte supportano questa ipotesi» ha aggiunto. «Chi soffre di CPS ha bisogno di essere supportato un team multidisciplinare che aiuti a ottenere una migliore qualità della vita. In questo senso i disturbi della voce hanno un impatto significativo perché compromettono la nostra capacità di comunicare con amici e familiari. Tutti i pazienti con raucedine, compresi quelli con CPS, devono essere valutati e trattati da un otorinolaringoiatra e da un logopedista».

«Il trattamento standard per i disturbi della voce funzionale prevede il supporto di un logopedista e molti pazienti rispondono molto bene a questo approccio» ha detto Stephanie Misono dell'Università del Minnesota a Minneapolis in un editoriale di accompagnamento. «Tuttavia, come hanno dimostrato questo e altri studi correlati, potrebbe esserci un ruolo per un trattamento aggiuntivo da parte di altri specialisti, come i professionisti della salute comportamentale (come gli psicologi), per aiutare a migliorare i risultati della terapia».

Bibliografia

Piersiala K et al. Chronic Pain Syndromes and Their Laryngeal Manifestations. JAMA Otolaryngol Head Neck Surg. 2020 Apr 30;e200530.

Leggi