In data 11 Gennaio 2010, la Commissione Europea ha autorizzato all'immissione  in  commercio Besilesomab  (Scintimun, CIS bio international), un nuovo radiofarmaco sviluppato per le scintigrafie. Consente di discriminare la presenza di infiammazione o infezioni in corso di osteomielite, in distretti di difficile identificazione. Migliorerà la diagnosi differenziale di fenomeni infettivi a livello del tessuto osseo.

Il principio attivo è besilesomab, un anticorpo monoclonale marcato con l'isotopo radioattivo tecnezio 99. Dopo la miscelazione con la sostanza radioattiva e la somministrazione, l'anticorpo si lega all'antigene NCA-95 (antigene non specifico cross-reattivo 95) presente sulla superficie di alcune cellule del sangue, i granulociti e i precursori dei granulociti, cui trasferisce radioattività.

Queste cellule si accumulano nelle zone del corpo colpite da infezione e infiammazione, nonché nel midollo spinale. È quindi possibile rilevare un addensamento radioattivo in zone interessate da un'infezione o un'infiammazione, utilizzando una speciale telecamera che mette in evidenza le zone di radioattività; nel midollo spinale, invece, l'assenza di radioattività è indicativa della presenza di metastasi.
E' disponibile come kit per preparazione radio farmaceutica.