A livello europeo è stata approvata una nuova formulazione di fentanyl indicata per la terapia del breakthrough cancer pain. Commercializzato dalla svedese Meda, il farmaco prenderà il nome di Breakyl. L'approvazione, rilasciata attraverso la procedura del mutuo riconoscimento avente il paese rapporteur la Germania, si applica a diversi paesi tra cui anche l'Italia.

Il farmaco consiste in un cerotto che va applicato all'interno bocca in corrispondenza della guancia. Rilascia il fentanyl nel giro di 5 minuti, riuscendo così a contrastare l'acuzie di dolore che caratterizza il breakthrough cancer pain. Una volta rilasciato il principio attivo, il cerotto si disintegra all'interno della bocca e non deve quindi più essere rimosso.

Il Breakthrough cancer pain (dolore episodico intenso) è una esacerbazione transitoria del dolore persistente adeguatamente controllato che colpisce tra il 40% e l'80% dei pazienti oncologici. Insorge molto rapidamente, può avere un'intensità da moderata a severa, una durata mediana di trenta minuti e può verificarsi più volte nella giornata con un impatto estremamente negativo per la qualità della vita dei pazienti.

Questo tipo di dolore necessita di farmaci ad azione molto rapida: infatti non risponde alla terapia con oppiacei quali ad esempio la morfina orale che impiega anche 30 minuti prima di avere l'effetto analgesico e raggiunge il picco solo dopo un'ora.
In alternativa si può usare il fentanyl, un oppioide sintetico molto potente che per le sue caratteristiche si assorbe attraverso la cute e le mucose. Esistono gia due diverse formulazioni di fentanyl sviluppate per questi tipo di dolore,. Alle quali oggi se ne aggiunge una terza.