Cancro alla prostata, opinione positiva dal Chmp per apalutamide per le forme non-metastatiche resistenti alla castrazione ad alto rischio

La Commissione per i medicinali per uso umano dell'Agenzia europea dei medicinali (EMA) ha espresso un'opinione positiva su apalutamide, un inibitore orale del recettore degli androgeni di nuova generazione per il trattamento di pazienti adulti affetti da carcinoma della prostata non-metastatico resistente alla castrazione (nmCRPC) e ad alto rischio di sviluppo di malattia metastatica.

La Commissione per i medicinali per uso umano dell'Agenzia europea dei medicinali (EMA) ha espresso un'opinione positiva su apalutamide, un inibitore orale del recettore degli androgeni di nuova generazione per il trattamento di pazienti adulti affetti da carcinoma della prostata non-metastatico resistente alla castrazione (nmCRPC) e ad alto rischio di sviluppo di malattia metastatica.

Apalutamide è un inibitore competitivo di nuova generazione del recettore degli androgeni che inibisce la crescita delle cellule tumorali in tre modi diversi: impedisce il legame degli androgeni al loro recettore, in questo modo impedisce la traslocazione del recettore degli androgeni al nucleo e impedisce il legame del recettore al Dna delle cellule tumorali, bloccando così la trascrizione del Dna mediata dal recettore stesso.

L'approvazione si basa sui dati dello studio clinico di fase 3 SPARTAN. Un trial in doppio cieco vs placebo, randomizzato, multicentrico è stato condotto in 332 centri di 26 Paesi. Ha arruolato 1.201 pazienti con tumore della prostata non-metastatico resistente alla castrazione. I pazienti sono stati randomizzati in rapporto 2:1 a ricevere apalutamide + ADT (n=803) o placebo + ADT (n=398).

Questo studio è stato disegnato per valutare l’efficacia e la sicurezza di apalutamide vs placebo. I pazienti arruolati hanno nmCRPC e sviluppano un rapido aumento dei livelli di PSA, nonostante l’assunzione di terapia di deprivazione androgenica (ADT).

Nello studio SPARTAN, apalutamide ha permesso di ottenere rispetto al placebo + ADT:
•    riduzione significativa del rischio di metastasi o mortalità del 72% (HR = 0,28; IC al 95%: 0,23-0,35; p < 0,0001),
•    aumenta della sopravvivenza mediana libera da metastasi (MFS) di oltre due anni (differenza di 24,3 mesi).

I risultati dello studio SPARTAN sono stati presentati al Simposio sui Tumori dell’Apparato Urogenitale della Società Americana di Oncologia Clinica (ASCO GU) a San Francisco (Abstract #161) e contemporaneamente pubblicati sul New England Journal of Medicine.

Il principale risultato di efficacia è stato supportato da miglioramenti statisticamente significativi per endpoint secondari, compresi il tempo alla metastasi, alla sopravvivenza libera da progressione della malattia e il tempo alla progressione sintomatica.