Cancro del polmone ALK+, approvazione europea per brigatinib come prima linea di terapia

Ema

La Commissione europea ha approvato l'uso di brigatinib come trattamento di prima linea nei pazienti affetti da carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) metastatico con alterazioni del gene della chinasi del linfoma anaplastico (pazienti ALK+). Il farmaco č giā indicato nei pazienti pretrattati con crizotinb e che sono diventati resistenti al farmaco, viene commercializzato da Takeda con il marchio Alunbrig.

La Commissione europea ha approvato l'uso di brigatinib come trattamento di prima linea nei pazienti affetti da carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) metastatico con alterazioni del gene della chinasi del linfoma anaplastico (pazienti ALK+). Il farmaco è già indicato nei pazienti pretrattati con crizotinb e che sono diventati resistenti al farmaco, viene commercializzato da Takeda con il marchio Alunbrig.

Brigatinib, un inibitore della tirosin chinasi di nuova generazione, è stato progettato per avere un'ampia attività contro le mutazioni di resistenza del gene ALK. La maggior parte dei pazienti con un cancro al polmone non a piccole cellule ALK-positivi trattati con crizotinib finisce in progressione, spesso a causa di mutazioni acquisite di resistenza di ALK e/o a causa di una scarsa penetrazione del farmaco nel sistema nervoso centrale. Di qui l’ottenimento della prima indicazione nei pazienti resistenti a crizotinib.

Ne parliamo in questa audiointervista con la Professoressa Silvia Novello, Ordinario di Oncologia Medica presso l’Università del Studi di Torino.

Ascolta "Tumore del polmone, ok europeo a brigatinib in prima linea per i pazienti metastatici ALK+" su Spreaker.


"I pazienti con NSCLC ALK+, in particolare quelli che hanno sviluppato metastasi cerebrali, necessitano di ulteriori opzioni di trattamento che si siano dimostrate efficaci in prima linea", ha dichiarato il professor Sanjay Popat, Oncologo al Royal Marsden NHS Foundation Trust. "Poiché brigatinib ha mostrato superiorità rispetto a crizotinib in questo setting, anche in pazienti la cui malattia si è diffusa al cervello, questa approvazione è un importante progresso per questi pazienti e offre ai medici dell'Unione Europea un'altra scelta quando affrontano le esigenze dei pazienti ALK+ NSCLC".

"Il tumore del polmone non a piccole cellule ALK+ è una malattia complessa e ricca di sfumature, e le persone con questa forma di cancro ai polmoni possono beneficiare della disponibilità di una varietà di opzioni di trattamento", ha detto Stefania Vallone, Presidente di Lung Cancer Europe (LUCE). "Accogliamo con favore la disponibilità di ulteriori opzioni terapeutiche che possono avvantaggiare la comunità europea del cancro e i pazienti affetti da questa grave e rara forma di malattia, con la speranza che siano presto accessibili ai pazienti di tutta Europa".

Ascolta "Tumore del polmone metastatico ALK+, approvazione Ue per brigatinib come terapia iniziale" su Spreaker.

L'approvazione si basa sui risultati dello studio di Fase 3 ALTA-1L, che ha valutato la sicurezza e l'efficacia di brigatinib rispetto a crizotinib in pazienti con NSCLC ALK+ localmente avanzato o metastatico, che non hanno ricevuto un precedente trattamento con un inibitore dell'ALK.

I risultati dello studio hanno dimostrato la superiorità di brigatinib rispetto a crizotinib con una significativa attività antitumorale osservata in pazienti con metastasi cerebrali basali. Dopo oltre due anni di follow-up, brigatinib ha ridotto il rischio di progressione della malattia intracranica o di morte del 69% nei pazienti con metastasi cerebrali al basale ( hazard ratio [HR] = 0,31, 95% IC: 0,17-0,56), come valutato da un comitato di revisione indipendente in cieco (BIRC), e ha ridotto il rischio di progressione della malattia o di morte del 76% nei pazienti con metastasi cerebrali al basale (HR = 0,24, 95% CI: 0,12-0,45), come valutato dagli sperimentatori.

Brigatinib ha anche dimostrato un'efficacia complessiva coerente (popolazione intention to treat), con una sopravvivenza libera da progressione mediana (PFS) più di due volte più lunga di quella con crizotinib a 24,0 mesi (95% IC: 18,5-NE) contro 11,0 mesi (95% IC: 9,2-12,9) per crizotinib, come valutato dal BIRC, e 29,4 mesi (95% IC: 21,2-NE) contro 9,2 mesi (95% IC: 7,4-12,9), come valutato dagli sperimentatori.

I più comuni eventi avversi di grado ≥3 nel braccio brigatinib sono stati aumentati di CPK (24,3%), di lipasi (14,0%) e di ipertensione (11,8%); e per il crizotinib sono stati aumentati di ALT (10,2%), AST (6,6%) e lipasi (6,6%).