Ema

Cancro dell'esofago e della giunzione  gastroesofagea HER2-: approvazione europea per pembrolizumab pił chemio

La Commissione Europea (CE) ha approvato pembrolizumab, la terapia anti-PD-1 sviluppata da MSD, in combinazione con la chemioterapia a base di platino e fluoropirimidina per il trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma localmente avanzato non resecabile o metastatico dell'esofago o adenocarcinoma della giunzione gastroesofagea (GEJ) negativo del fattore di crescita epidermico umano 2 (HER2) negli adulti i cui tumori esprimono PD-L1 (Combined Positive Score [CPS] ≥10).

La Commissione Europea (CE) ha approvato pembrolizumab, la terapia anti-PD-1 sviluppata da MSD, in combinazione con la chemioterapia a base di platino e fluoropirimidina per il trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma localmente avanzato non resecabile o metastatico dell'esofago o adenocarcinoma della giunzione gastroesofagea (GEJ) negativo del fattore di crescita epidermico umano 2 (HER2) negli adulti i cui tumori esprimono PD-L1 (Combined Positive Score [CPS] ≥10).

“Pembrolizumab più chemioterapia è la prima terapia anti-PD1 approvata in Europa in questo setting di prima linea, permettendo a questi pazienti di essere trattati con l'immunoterapia prima nel corso del loro trattamento", ha dichiarato Scot Ebbinghaus, vice presidente, ricerca clinica, Merck Research Laboratories.

Questa approvazione si basa sui risultati dello studio di fase 3 KEYNOTE-590, in cui pembrolizumab più 5-fluorouracile (5-FU) e cisplatino ha dimostrato miglioramenti statisticamente significativi nella sopravvivenza globale (OS) e nella sopravvivenza libera da progressione (PFS) rispetto al solo 5-FU e cisplatino in tutte le popolazioni di studio pre-specificate.

Pembrolizumab più 5-FU e cisplatino ha ridotto il rischio di morte del 27% (HR=0,73 [95% CI, 0,62-0,86]; p<0,0001) e ha ridotto il rischio di progressione della malattia o di morte del 35% (HR=0,65 [95% CI, 0,55-0,76]; p<0,0001) rispetto ai soli 5-FU e cisplatino. In un'analisi pre-specificata dei pazienti i cui tumori esprimevano PD-L1 (CPS ≥10) (n=383/749), pembrolizumab più 5-FU e cisplatino ha ridotto il rischio di morte del 38% (HR=0,62 [95% CI, 0,49-0,78]; p<0,0001) e ha ridotto il rischio di progressione della malattia o di morte del 49% (HR=0,51 [95% CI, 0,41-0,65]; p<0,0001) rispetto ai soli 5-FU e cisplatino.

Per i pazienti trattati con pembrolizumab più 5-FU e cisplatino, il tasso di risposta obiettiva (ORR) è stato del 51,1% (95% CI, 43,7-58,5), con un tasso di risposta completa (CR) del 5,9% e un tasso di risposta parziale (PR) del 45,2%, rispetto al 26,9% (95% CI, 20,8-33,7), con un tasso CR del 2,5% e un tasso PR del 24,4%, per i pazienti trattati con 5-FU e cisplatino da soli (p<0,0001).

"Abbiamo visto pochi progressi negli ultimi tre decenni che hanno migliorato i risultati di sopravvivenza storicamente poveri per i pazienti con cancro esofageo", ha detto il professor Antoine Adenis, Dipartimento di oncologia medica, Montpellier Cancer Institute, Francia.

"L'approvazione da parte della Commissione europea di pembrolizumab più la chemioterapia per il trattamento di alcuni pazienti con tumore esofageo e HER2-negativo del gomito fornisce una nuova opzione nel setting di prima linea che ha mostrato miglioramenti significativi nella sopravvivenza libera da progressione e complessiva."