Ema

Carcinoma prostatico metastatico resistente alla castrazione, olaparib approvato nell'Unione Europea

Olaparib Ŕ stato approvato nell'Unione Europea in combinazione con abiraterone e prednisone o prednisolone per il trattamento di pazienti adulti con carcinoma prostatico metastatico resistente alla castrazione (mCRPC) in cui la chemioterapia non Ŕ clinicamente indicata.

Olaparib è stato approvato nell'Unione Europea in combinazione con abiraterone e prednisone o prednisolone per il trattamento di pazienti adulti con carcinoma prostatico metastatico resistente alla castrazione (mCRPC) in cui la chemioterapia non è clinicamente indicata.

L'approvazione da parte della Commissione europea segue la raccomandazione positiva del Comitato per i medicinali per uso umano ricevuta nel novembre di quest'anno e si basa sullo studio di fase 3 PROpel, i cui risultati sono stati pubblicati su NEJM Evidence nel giugno 2022.

Nello studio PROpel, Olaparib  in combinazione con abiraterone e prednisone o prednisolone ha ridotto il rischio di progressione della malattia o di morte del 34% (HR=0,66 [95% CI, 0,54-0,81]; p<0,0001) rispetto a placebo più abiraterone e prednisone o prednisolone, sulla base della valutazione dello sperimentatore. La sopravvivenza mediana libera da progressione radiografica (rPFS) è stata di 24,8 mesi per il braccio LYNPARZA più abiraterone (95% CI, 20,5, 27,6) rispetto a 16,6 mesi per il braccio placebo più abiraterone (95% CI, 13,9, 19,2). Un'analisi di sensibilità pianificata mediante revisione centrale indipendente in cieco è risultata coerente con l'analisi basata sullo sperimentatore, con una rPFS mediana di 27,6 mesi per il braccio LYNPARZA più abiraterone rispetto a 16,4 mesi per il braccio placebo più abiraterone.
I risultati ad interim per l'endpoint chiave di efficacia secondaria della sopravvivenza globale (OS) non hanno raggiunto la significatività statistica, con un tasso di eventi del 37,1% nel braccio LYNPARZA più abiraterone rispetto al 43,1% nel braccio placebo più abiraterone al momento dell'analisi (HR=0,83 [95% CI, 0,66-1,03]).

La sicurezza e la tollerabilità di Olaparib  in combinazione con abiraterone e prednisone o prednisolone sono state generalmente coerenti con quelle dei singoli farmaci. Circa il 16% dei pazienti che hanno ricevuto LYNPARZA in combinazione con abiraterone e prednisone o prednisolone ha interrotto il trattamento a causa di un evento avverso (AE). Come precedentemente riportato, sulla base di un'analisi dello studio PROpel presentata all'inizio di quest'anno al Simposio sui tumori genitourinari dell'American Society of Clinical Oncology, gli AE più comuni (≥20%) sono stati anemia (46%), affaticamento (37%) e nausea (28%). Gli effetti collaterali di grado ≥3 sono stati anemia (15%), ipertensione (4%), infezione del tratto urinario (2%), affaticamento (2%), diminuzione dell'appetito (1%), vomito (1%), mal di schiena (1%), diarrea (1%) e nausea (0,3%).

Il cancro alla prostata è il tumore più comunemente diagnosticato negli uomini in Europa, con una stima di 473.000 casi e 108.000 decessi nel 2020. Si stima che circa il 10-20% dei pazienti con carcinoma prostatico svilupperà un carcinoma prostatico resistente alla castrazione (CRPC) entro cinque anni; almeno l'84% di questi pazienti presenta metastasi al momento della diagnosi di CRPC. I pazienti con diagnosi di cancro alla prostata avanzato hanno una prognosi particolarmente sfavorevole, con un tasso di sopravvivenza relativa a cinque anni di circa il 30%, rispetto ai pazienti con diagnosi di stadi più precoci della malattia, con un tasso di sopravvivenza relativa a cinque anni di oltre il 99%.

Noel Clarke, chirurgo urologo e professore di oncologia urologica presso i Christie/Salford Royal Hospitals di Manchester e l'Università di Manchester, ricercatore senior dello studio PROpel, ha dichiarato: "I risultati dello studio di fase 3 PROpel di olaparib in combinazione con abiraterone come trattamento di prima linea dimostrano che questa combinazione terapeutica può fornire un beneficio clinico significativo ai pazienti con mCRPC. I pazienti affetti da questa patologia nell'UE avranno ora, per la prima volta, l'opportunità di beneficiare di questa nuova combinazione terapeutica".

Dave Fredrickson, vicepresidente esecutivo della business unit oncologia di AstraZeneca, ha dichiarato: "Molti pazienti affetti da mCRPC possono ricevere solo una linea di terapia attiva, poiché la malattia può progredire rapidamente. LYNPARZA in combinazione con abiraterone ha dimostrato di ridurre il rischio di progressione della malattia del 34% rispetto al trattamento standard nello studio PROpel. Inoltre, la combinazione di LYNPARZA con abiraterone come trattamento di prima linea estende l'uso di LYNPARZA a un gruppo più ampio di pazienti affetti da mCRPC rispetto a quelli trattati con il solo LYNPARZA in seconda linea nello studio PROfound. L'approvazione di oggi segna un significativo passo avanti verso la risposta ai bisogni insoddisfatti dei pazienti affetti da mCRPC nell'UE".