La commissione europea ha approvato la domanda di registrazione presentata con procedura centralizzata per un  cerotto a base di capsaicina (Qutenza, NeurogesX) per la terapia del dolore neuropatico.
Si tratta di un cerotto in grado di liberare capsaicina ad alte dosi (8%) e di fornire un sollievo dal dolore neuropatico di tipo periferico.
Il cerotto deve rimanere posizionato sulla sede del dolore per 30 minuti nel caso dei piedi (ad esempio nella neuropatia associata all'infezione da HIV) e di 60 minuti per altre sedi (ad esempio nella nevralgia post erpetica). Non è indicato nella neuropatia diabetica in cui non è stato ancora studiato.

Il farmaco è stato studiato in tre trial di fase III, due condotto in pazienti con neuropatia post erpetica su 402 e 416 pazienti e un terzo su 307 pazienti con polineuropatia sensoriale distale causata dall'infezione da HIV.
Complessivamente, lo sviluppo clinico del farmaco ha arruolato 1600 pazienti.

La capsaicina è un composto chimico presente in diverse concentrazioni in piante del genere Capsicum (ad esempio nel peperoncino piccante). Stimola i recettori VR1 (vanilloid receptor type 1), i quali a loro volta attivano la proteina VRL-1 (vanilloid receptor-like 1) che in condizioni "normali" si attivano, rispettivamente, alle temperature di circa 43 °C e 52 °C. L'effetto di dolore e bruciore causato da questa sostanza è quindi del tutto virtuale.

La capsaicina è un potente revulsivo usato come analgesico topico. La somministrazione causa inizialmente dolore intenso mentre il trattamento prolungato induce desensibilizzazione allo stimolo dolorifico, per la capacità del farmaco di depauperare il neuropeptide sostanza P nelle fibre nervose sensoriali di tipo C.
La sostanza P è ritenuta il principale mediatore dei segnali dolorifici dalla periferia ai centri nervosi, essa è anche presente nel tessuto articolare dove attira i mediatori dell'infiammazione coinvolti nella patogenesi della artrite reumatoide.
La capsaicina è l'unico composto noto in grado di bloccare l'emissione della sostanza P, che segnala il dolore al cervello.
La società NeurogesX che lo ha messo a punto ha comunicato che in Europa la distribuzione del farmaco verrà affidata a un partner commerciale.