A seguito di una richiesta delle autorità regolatorie europee, la società farmaceutica tedesca Merck KGaA sta rianalizzando i dati sul rischio cardiaco connesso all'impiego del farmaco oncologico cetuximab.

L'Emea ha fatto questa richiesta dopo aver rifiutato la richiesta di indicazione per lì'impiego del farmaco nel tumore la polmone. Nei pazienti trattati con il farmaco per la terapia del tumore al polmone, le autorità regolatorie europee hanno verificato un aumentato rischio di incidenza di eventi avversi cardiaci, in particolare in pazienti già cardiopatici.

L'azienda che sta ottemperando alla richiesta non ritiene che questa analisi possa dar seguito a variazioni nelle indicazioni o nelle modalità di assunzione del farmaco nelle indicazioni già approvate. Da quando è stato approvato, circa 6 anni fa, a livello mondiale il farmaco è già stato prescritto a oltre 200mila persone.