Chilomicronemia familiare, approvato in Europa l'oligonucleotidico antisenso volanesorsen

La Commissione europea ha concesso l'autorizzazione condizionata alla commercializzazione a volanesorsen in aggiunta alla dieta in pazienti adulti con sindrome da chilomicronemia familiare geneticamente confermata e ad alto rischio di pancreatite, in cui la risposta alla dieta e alla terapia con abbassamento dei trigliceridi è stata inadeguata.

La Commissione europea ha concesso l'autorizzazione condizionata alla commercializzazione a volanesorsen in aggiunta alla dieta in pazienti adulti con sindrome da chilomicronemia familiare geneticamente confermata e ad alto rischio di pancreatite, in cui la risposta alla dieta e alla terapia con abbassamento dei trigliceridi è stata inadeguata.

Volanesorsen è un farmaco oligonucleotidico antisenso studiato per ridurre la produzione della apolipoproteina CIII (o ApoC-III) che regola i trigliceridi plasmatici, sotto forma di una siringa preriempita monouso per iniezione sottocutanea in auto-somministrazione.

Progettato da Ionis Pharmaceuticals e sviluppato insieme alla consociata Akcea Therapeutics, sarà disponibile con marchio Waylivra. Come parte dell'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata, le due compagnie condurranno uno studio di sicurezza post-autorizzazione non interventistico basato su un registro.

«Volanesorsen è l'unico trattamento approvato per le persone con sindrome da chilomicronemia familiare (FCS, Familial Chylomicronemia Syndrome) e rappresenta un evento fondamentale per la comunità FCS. Siamo molto grati ai pazienti e ai medici di tutto il mondo che hanno partecipato ai nostri studi clinici», ha dichiarato il Ceo di Akcea Paula Soteropoulos. «Abbiamo in programma di lanciare il farmaco in Germania quest'anno e in altri paesi europei nel 2020».

«È il nostro terzo farmaco approvato in poco più di due anni» ha commentato Brett Monia, responsabile operativo di Ionis. «La nostra tecnologia antisenso altamente efficiente ha le potenzialità per trattare ciò che sembra intrattabile, dato che punta con precisione alla causa principale della malattia. E la FCS è un esempio delle patologie che può affrontare».

Un disturbo ultra-raro
La sindrome da chilomicronemia familiare (FCS) è una malattia debilitante ultra-rara che può cambiare la vita di chi ne è affetto. È causata dalla compromissione della funzione dell'enzima lipoproteina lipasi (Lpl) ed è caratterizzata da una grave ipertrigliceridemia (>880 mg/dl o 10 mmol/l) e dal rischio di pancreatite acuta imprevedibile e potenzialmente fatale. Si stima che al mondo siano 3-5mila le persone che vivono con la malattia, 1000 delle quali solo in Europa.

A causa della limitata funzione della Lpl, le persone affette dalla sindrome non riescono a degradare i chilomicroni, particelle di lipoproteine ​​composte al 90% da trigliceridi. Oltre alla pancreatite, i pazienti sono a rischio di complicanze croniche a causa di danni permanenti agli organi, tra cui pancreatite cronica e diabete pancreatogenico.

Possono avere sintomi con frequenza quotidiana come dolori addominali, stanchezza generalizzata e disturbi cognitivi che influiscono sulla loro capacità di lavorare. Riportano anche importanti effetti emotivi e psicosociali come ansia, isolamento sociale, depressione e brain fog (“nebbia cerebrale”, un termine usato per descrivere mancanza di chiarezza mentale, lieve confusione, perdita di concentrazione e attenzione).

«I malati, chi li cura e le loro famiglie hanno sofferto senza avere opzioni terapeutiche. Ora i pazienti di tutta Europa possono accedere a un farmaco che li può aiutare a contrastare gli alti livelli di trigliceridi e dare loro la speranza di una salute migliore» ha detto Jules Payne, Ceo di HEART UK e presidente di FH Europe. «I trigliceridi alti possono portare a molti gravi sintomi cronici come il dolore addominale e l’aumento del rischio di pancreatite, che tutti i giorni hanno un impatto significativo sulle persone che vivono con questo disturbo».

Ridotti i trigliceridi e gli attacchi di pancreatite
L'autorizzazione alla commercializzazione di volanesorsen si basa sui risultati dello studio di fase III APPROACH e sull’estensione in aperto tuttora in corso, supportata di dati dello studio COMPASS di fase III.

APPROACH, il più grande trial mai condotto in pazienti con FCS, ha dimostrato che volanesorsen ha comportato una riduzione del 77% dei trigliceridi, clinicamente significativa rispetto al placebo, in concomitanza a una dieta a basso contenuto di grassi. L’analisi dei pazienti con anamnesi di attacchi ricorrenti di pancreatite (almeno 2 nei cinque anni precedenti al primo giorno di studio) ha inoltre evidenziato una riduzione significativa degli attacchi nei pazienti sottoposti al farmaco rispetto al placebo.

Il trattamento è associato al rischio di trombocitopenia. È necessario un monitoraggio potenziato per supportare l'individuazione precoce e la gestione della condizione. Le reazioni avverse osservate più frequentemente (oltre il 10%) nello studio APPROACH sono state reazioni al sito di iniezione e riduzione dei livelli piastrinici/trombocitopenia.

Volanesorsen è attualmente in fase di sviluppo clinico di fase III anche per il trattamento di pazienti con lipodistrofia parziale familiare (FPL) e i dati preliminari sono attesi per la metà del 2019.