L'Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha avviato una rivalutazione del rapporto beneficio/rischio dei medicinali contenenti codeina utilizzati per tosse e raffreddore nei bambini (di età inferiore ai 18 anni).

Questa rivalutazione trae origine da una precedente revisione di questi medicinali utilizzati nei bambini per alleviare il dolore, avviata in considerazione del rischio di tossicità da morfina.
Nell’organismo, la codeina viene convertita in morfina da un enzima chiamato CYP2D6.

E' ben noto che alcuni pazienti che sono “CYP2D6-metabolizzatori ultra-rapidi' convertono la codeina in morfina a una velocità più alta del normale, con conseguenti livelli di morfina nel sangue superiore ai livelli normali. Alte concentrazioni di morfina possono causare effetti tossici, quali difficoltà respiratorie.

A seguito della precedente revisione, sono state introdotte alcune misure per minimizzare il rischio di tossicità da morfina quando si utilizza la codeina per alleviare il dolore. Fra queste, una raccomandazione che i bambini con patologie associate a problemi respiratori non devono usare la codeina.

Poiché le ragioni di questa raccomandazione possono essere estese anche all'uso di codeina per la tosse e il raffreddore ne i bambini, l'Agenzia del Farmaco Tedesca (BfArM) ha richiesto
una revisione per tale uso in tutta l’Unione Europea.

L'Agenzia Europea dei Medicinali ora valuterà le evidenze disponibili sul rapporto beneficio -rischio dei medicinali contenenti codeina quando questi medicinali sono utilizzati per la tosse e il raffreddore nei
bambini.  

Mentre la revisione è in corso i pazienti o chi se ne prende cura devono rivolgersi al loro medico o Al farmacista se hanno domande o dubbi.