Epilessia, approvazione europea per brivaracetam

Ema

L'azienda farmaceutica belga UCB ha reso noto che l'Ema ha approvato il farmaco antiepilettico brivaracetam come terapia aggiuntiva per il trattamento delle crisi parziali, con o senza generalizzazioni secondarie (diffusione in entrambi gli emisferi cerebrali dopo la crisi iniziale), nei pazienti con epilessia di oltre 16 anni di etÓ.

L’azienda farmaceutica belga UCB ha reso noto che l’Ema ha approvato il farmaco antiepilettico brivaracetam come terapia aggiuntiva per il trattamento delle crisi parziali, con o senza generalizzazioni secondarie (diffusione in entrambi gli emisferi cerebrali dopo la crisi iniziale), nei pazienti con epilessia di oltre 16 anni di età.

Il farmaco non necessita di  titolazione (“titration”) e la terapia fin dal primo giorno potrà iniziare con la dose prestabilita. I medici possono anche regolare il dosaggio del farmaco, in alto o in basso a seconda della risposta del paziente e della tollerabilità. Sarà messo in commercio con il marchio Briviact.

Brivaracetam sarà disponibile in compresse da 10 mg, 25 mg, 50 mg, 75 mg e da 100 mg; un / ml soluzione orale 10 mg; in una soluzione per  infusione 10 mg / ml.
Il farmaco è anche in fase di revisione per l'approvazione in altri paesi, tra cui Stati Uniti, Australia, Canada e Svizzera.

Il dossier registrativo è supportato da dati provenienti da tre studi di fase III (N01252, N01253 e N01358), che hanno valutato l'efficacia e la sicurezza di brivaracetam quale terapia aggiuntiva a un dosaggio giornaliero 5-200mg nei pazienti con crisi epilettiche parziali non controllate. I trial hanno dimostrato una riduzione delle crisi parziali statisticamente significativa rispetto al placebo (19.5%, 24.4% e 24.0% for brivaracetam 50, 100 e 200 mg/die, rispettivamente, p<0.01).

Un quarto studio di fase III ha valutato la sicurezza e la tollerabilità di brivaracetam quale trattamneto aggiuntivo dato a dosi su misura e personalizzati comprese tra 20 e 150 mg / die in pazienti adulti con crisi parziali.

Nel complesso, il programma di sviluppo clinico di brivaracetam ha arruolato  oltre 3000 pazienti, alcuni dei quali tratti per 8 anni. Ci sono sei studi in corso su brivaracetam. Si tratta prevalentemente di trial in aperto, il follow-up di studi registrativi condotti per valutare la sicurezza a lungo termine e l'efficacia di brivaracetam.

La percentuale di pazienti che hanno mostrato una riduzione della frequenza delle crisi parziali del 50% o superiore era del 34,2% (50 mg / die), 39,5% (100 mg / die) e 37,8% (200 mg / die), vs 20,3% per placebo (p <0,01 per tutti i bracci).
Brivaracetam è stato generalmente ben tollerato dai pazienti, e le reazioni avverse più comunemente riportate (≥5%) con il farmaco sono state sonnolenza (15,2%), vertigini (11,2%), cefalea (9,6%) e affaticamento (8,7%).
Brivaracetam è un farmaco appartenente alla famiglia dei racetam, il cui precursore è il piracetam. A differenza di altri suoi congeneri strutturali, però, non possiede proprietà nootropiche, bensì antiepilettiche. Tuttavia non è attivo in manifestazioni acute (da elettroshock o pentametilentetrazolo) ma protegge dalle manifestazioni motorie secondarie.

Chimicamente è il derivato n-propilico del levetiracetam ed è dotato di buone proprietà idrofobe, tali da consentirgli un rapido passaggio attraverso la barriera ematoencefalica.
Il suo meccanismo d'azione sembra multiplo. Può bloccare infatti le correnti del sodio voltaggio-dipendenti, facilitare la correnti del potassio attraverso i canali KCNQ ed interagire con la proteina SV2 delle vescicole sinaptiche neuronali.

Una volta somministrato, il farmaco è assorbito completamente entro 2 ore e soltanto un 20% di esso è trovato legato alle proteine plasmatiche. La sua emivita è di 7-8 ore, viene metabolizzato a livello epatico dal citocromo P450 2C8 e la sua clearance renale è bassa. Entro 72 ore dalla somministrazione, il 95% del farmaco si ritrova nelle urine.

SEZIONE DOWNLOAD