Hiv, ok del Chmp per aggiornare scheda tecnica di dolutegravir con i dati del regime a due farmaci dolutegravir + lamivudina

Il Comitato europeo per i prodotti medicinali ad uso umano ha espresso opinione positiva sulla domanda di variazione di Tipo II per dolutegravir.
L'aggiornamento del foglietto illustrativo include i dati degli studi di fase III GEMINI 1 & 2, che hanno valutato la sicurezza, l'efficacia e la tollerabilitÓ del regime a due farmaci di dolutegravir + lamivudine rispetto a un regime a tre farmaci di dolutegravir e tenofovir disoproxil fumarato/emtricitabina in pi¨ di 1400 adulti infetti da HIV-1 con carica virale di base fino a 500,000 c/mL.[i] Il parere positivo del CHMP fornisce ulteriore supporto sull'efficacia di dolutegravir nel trattamento dell'HIV come regime a 2 farmaci (2DR).

Il Comitato europeo per i prodotti medicinali ad uso umano  ha espresso opinione positiva sulla domanda di variazione di Tipo II per dolutegravir.
L’aggiornamento del foglietto illustrativo include i dati degli studi di fase III GEMINI 1 & 2, che hanno valutato la sicurezza, l’efficacia e la tollerabilità del regime a due farmaci di dolutegravir + lamivudine rispetto a un regime a tre farmaci di dolutegravir e tenofovir disoproxil fumarato/emtricitabina in più di 1400 adulti infetti da HIV-1 con carica virale di base fino a 500,000 c/mL.[i] Il parere positivo del CHMP fornisce ulteriore supporto sull’efficacia di dolutegravir nel trattamento dell’HIV come regime a 2 farmaci (2DR).

“Oggi, grazie ai progressi nel trattamento, le persone che vivono con l'HIV (PLHIV) hanno una aspettativa di vita uguale a tutte le altre persone. Siamo tuttavia consapevoli che devono affrontare una terapia antiretrovirale per tutta la vita al fine di mantenere la soppressione virale. Il nostro programma 2DR punta a ridurre l'impatto di un trattamento farmacologico per tutta la vita, senza compromettere l'efficacia della terapia, poiché riteniamo che nessuno debba assumere più farmaci di quelli di cui ha bisogno. Questo parere positivo del CHMP è una pietra miliare nel percorso di dolutegravir 2DR.” ha affermato Deborah Waterhouse, CEO ViiV Healthcare.

La richiesta regolatoria per l’aggiornamento del foglietto illustrativo della combinazione dolutegravir/lamivudine comprende i dati a 48 settimane degli studi di fase III GEMINI 1 & 2, che sono stati presentati all’inizio di quest’anno alla ventiduesima edizione dell’International AIDS Conference.

Gli studi hanno raggiunto l’obiettivo primario a 48 settimane di non inferiorità sulla scorta dei risultati del HIV-1 RNA plasmatico <50c/mL, parametro standard del controllo dell’HIV, con risultati fortemente consistenti per la soppressione virale nei soggetti stratificati in base all’alta o bassa carica virale.

 Dopo 48 settimane nessun paziente ha avuto un fallimento virologico in entrambi i trattamenti né hanno sviluppato resistenze emergenti al trattamento. Globalmente si sono osservati tassi comparabili di eventi avversi in entrambi I bracci di trattamento: i più comunemente riportati sono stati cefalea, diarrea e nasofaringite.