Hiv, ViiV deposita la domanda di registrazione europea per fostemsavir per i casi resistenti ai farmaci

Ema

ViiV Healthcare ha presentato all'Agenzia europea dei medicinali (Ema) una domanda di commercializzazione in Europa per fostemsavir per il trattamento di adulti con infezione da HIV-1 multifarmaco resistente. L'Ema esaminerą il dossier con una valutazione accelerata.

ViiV Healthcare ha presentato all'Agenzia europea dei medicinali (Ema) una domanda di commercializzazione in Europa per fostemsavir per il trattamento di adulti con infezione da HIV-1 multifarmaco resistente. L'Ema esaminerà il dossier con una valutazione accelerata.

Il farmaco, che non è ancora stato approvato dalle autorità regolatorie di alcun Paese, appartiene a una nuova classe di antiretrovirali specificamente sviluppati per i pazienti multitrattati che hanno visto fallire i diversi schemi di terapia e che non hanno altre opportunità di cura, i cosiddetti pazienti Highly Treatment Experienced (HTE).

Molte persone con infezione da HIV possono tenere sotto controllo il virus grazie ai farmaci antiretrovirali, che impediscono l’ingresso del virus nella cellula ospite dopo che si è legato alla membrana cellulare o inibiscono gli enzimi virali che consentono al virus di replicarsi. Queste terapie sono solo in grado di sopprimere il virus HIV, non di curare completamente l'infezione. Non appena il trattamento viene interrotto, il virus può tornare. Inoltre il virus può diventare resistente a questi farmaci, rendendo più difficile controllarlo nel tempo.

Fostemsavir è un profarmaco della forma attiva temsavir, progettato per superare questa resistenza legandosi alla glicoproteina 120 (gp120) sull'involucro virale e impedendo così al virus di attaccarsi ai recettori delle cellule T CD4+ e di fare il suo ingresso nelle cellule dell’ospite.

Secondo quanto dichiarato dalla compagnia produttrice del farmaco, il suo meccanismo d'azione esclude la resistenza crociata con altre classi di antiretrovirali e può quindi aiutare i pazienti che sono diventati resistenti alla maggior parte degli altri medicinali.



Fostemsavir sarà prodotto in Italia da GSK per conto di ViiV Healthcare, azienda globale specializzata nell’HIV a maggioranza GlaxoSmithKline, in partecipazione con Pfizer e Shionogi. La produzione sarà effettuata in un nuovo impianto di 1.500 m² situato nello stabilimento GSK di San Polo di Torrile a Parma. La struttura, del valore di 30 milioni di euro, è stata costruita a tempo record di poco più di un anno.
SEZIONE DOWNLOAD