Ema

Infezione da citomegalovirus, approvazione europea per maribavir

La Commissione europea ha approvato maribavir per il trattamento di pazienti adulti e pediatrici (a partire dai 12 anni di etą e con un peso di almeno 35 kg) con infezione/malattia da citomegalovirus (CMV) che non risponde (con o senza mutazioni genetiche che causano resistenza) a una o pił terapie precedenti, tra cui ganciclovir, valganciclovir, cidofovir o foscarnet, in pazienti adulti che hanno subito un trapianto di cellule staminali ematopoietiche (HSCT) o un trapianto di organi solidi (SOT).

La Commissione europea ha approvato maribavir per il trattamento di pazienti adulti e pediatrici (a partire dai 12 anni di età e con un peso di almeno 35 kg) con infezione/malattia da citomegalovirus (CMV) che non risponde (con o senza mutazioni genetiche che causano resistenza) a una o più terapie precedenti, tra cui ganciclovir, valganciclovir, cidofovir o foscarnet, in pazienti adulti che hanno subito un trapianto di cellule staminali ematopoietiche (HSCT) o un trapianto di organi solidi (SOT).

Sviluppato da Takeda, maribavir è il primo trattamento orale che inibisce la proteina chinasi UL97 specifica per CMV e i suoi substrati naturali. Sarà posto in commercio con il marchio Livtencity.

Il CMV è un tipo di herpes virus che causa comunemente l'infezione nei pazienti dopo un trapianto di cellule staminali o di organi, con un tasso di incidenza globale stimato tra il 16 e il 56% nei pazienti sottoposti a SOT e tra il 30 e l'80% nei riceventi di HSCT. Nel 2019 sono stati eseguiti in Europa e nei Paesi limitrofi più di 34.000 SOT , tra cui trapianti di fegato, rene e cuore, e più di 48.000 HSCT . Sebbene la prevenzione e la gestione dell'infezione da CMV nei pazienti sottoposti a SOT e HSCT con le terapie disponibili possano contribuire a migliorare gli esiti, anche con la profilassi possono verificarsi infezioni dirompenti,9 e alcune infezioni da CMV possono non rispondere al trattamento.

L'infezione da CMV può portare alla malattia da CMV e avere un forte impatto negativo sui destinatari del trapianto, compresa la perdita dell'organo trapiantato e la morte.

"La Società Europea per il Trapianto di Organi (ESOT) è consapevole che il percorso del paziente trapiantato si estende ben oltre il trapianto stesso. Quando non viene trattato con successo, il CMV rappresenta una sfida per i riceventi del trapianto e per i loro medici e spesso porta a un aumento del rigetto dell'organo, a tassi di ospedalizzazione più elevati e a un maggiore onere per le risorse sanitarie, contribuendo a creare disuguaglianze per i pazienti in tutto il sistema", ha dichiarato il dottor Luciano Potena, presidente dell'ESOT. "L'approvazione di maribavir da parte della Commissione Europea riconosce la necessità di un nuovo approccio antivirale per la gestione dell'infezione da CMV refrattaria (con o senza resistenza) a una o più terapie precedenti contro il CMV."

Malattia da CMV
Il CMV è un beta herpesvirus che infetta comunemente gli esseri umani; l'evidenza sierologica di una precedente infezione può essere riscontrata nel 40-100% di varie popolazioni adulte Il CMV risiede tipicamente latente e asintomatico nell'organismo, ma può riattivarsi durante i periodi di immunosoppressione. La malattia grave può insorgere in soggetti con sistema immunitario compromesso, tra cui i pazienti che ricevono immunosoppressori associati a vari tipi di trapianto, tra cui il TCS o il TCS. Sui 200mila trapianti di adulti stimati ogni anno a livello globale, il CMV è una delle infezioni virali più comuni riscontrate dai riceventi di trapianto, con un tasso di incidenza stimato tra il 16 e il 56% nei riceventi di TCS e tra il 30 e l'80% nei riceventi di TCS.

Nei riceventi di trapianto, la riattivazione del CMV può portare a gravi conseguenze, tra cui la perdita dell'organo trapiantato e, in casi estremi, può essere fatale. Le terapie esistenti per il trattamento delle infezioni da CMV post-trapianto possono presentare gravi effetti collaterali che richiedono l'aggiustamento della dose o possono non riuscire a sopprimere adeguatamente la replicazione virale. Inoltre, le terapie esistenti possono richiedere o prolungare l'ospedalizzazione a causa della somministrazione.

Lo studio registrativo SOLSTICE (NCT02931539
La sicurezza e l'efficacia di maribavir sono state valutate in uno studio di fase 3, multicentrico, in aperto, controllato attivamente, che ha confrontato maribavir con un trattamento assegnato da un ricercatore che conduce lo studio, che potrebbe includere uno o due dei seguenti antivirali usati per trattare il CMV: ganciclovir, valganciclovir, foscarnet o cidofovir. Nello studio, 352 destinatari di trapianto con infezioni da CMV che non hanno risposto (con o senza resistenza) al trattamento hanno ricevuto in modo casuale maribavir o un trattamento assegnato da un ricercatore per un massimo di otto settimane.

Lo studio ha confrontato i livelli di concentrazione di CMV DNA nel plasma dei due gruppi alla fine dell'ottava settimana dello studio, con efficacia definita come avere un livello inferiore a quello misurabile. Dei 235 pazienti che hanno ricevuto maribavir, il 56% aveva livelli di CMV DNA inferiori a quelli misurabili contro il 24% dei 117 pazienti che hanno ricevuto un trattamento assegnato dallo sperimentatore.

Gli effetti collaterali più comuni di maribavir includono disturbi del gusto, nausea, diarrea, vomito e affaticamento. Il farmaco può ridurre l'attività antivirale di ganciclovir e valganciclovir, quindi la co-somministrazione con questi farmaci non è raccomandata. Il fallimento virologico dovuto alla resistenza può verificarsi durante e dopo il trattamento con maribavir, quindi i livelli di DNA del CMV devono essere monitorati e la resistenza di maribavir deve essere controllata se il paziente non risponde al trattamento o ha una ricaduta.