Iperossaluria primaria, parere europeo per lumasiran, terapia basata sulla RNA interference

Ema

Il Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell'Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha adottato un parere positivo raccomandando l'approvazione del lumasiran, un RNAi terapeutico sperimentale che ha come bersaglio l'idrossiacido ossidasi 1 (HAO1) mRNA - codifica della glicolata ossidasi (GO) - in sviluppo per il trattamento dell'iperossaluria primaria di tipo 1 (PH1). Se approvato dalla Commissione Europea, lumasiran sarà commercializzato in Europa con il marchio Oxlumo.

Il Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell'Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha adottato un parere positivo raccomandando l'approvazione del lumasiran, un RNAi terapeutico sperimentale che ha come bersaglio l'idrossiacido ossidasi 1 (HAO1) mRNA - codifica della glicolata ossidasi (GO) - in sviluppo per il trattamento dell'iperossaluria primaria di tipo 1 (PH1). Se approvato dalla Commissione Europea, lumasiran sarà commercializzato in Europa con il marchio Oxlumo.

PH1 è una malattia orfana ultra rara caratterizzata da un'eccessiva produzione di ossalato, che può portare a malattie renali allo stadio terminale (ESRD) e ad altre complicazioni sistemiche. PH1 colpisce circa 3,5-4 individui per milione in Europa e negli Stati Uniti. L'eterogeneità nella manifestazione della malattia spesso contribuisce a ritardi nella diagnosi, con un tempo mediano di diagnosi di circa sei anni. PH1 porta a danni renali progressivi, e i pazienti con malattia renale avanzata richiedono una dialisi intensiva per aiutare a filtrare i prodotti di scarto dal loro sangue fino a quando non sono in grado e idonei a ricevere un doppio o sequenziale trapianto di fegato / rene, una procedura invasiva associata a un elevato rischio di morbilità e mortalità, e immunosoppressione per tutta la vita.

"Le persone che vivono con il PH1 sperimentano un progressivo declino della funzione renale a causa della sovrapproduzione di ossalato, che può portare a una malattia renale allo stadio terminale. Gli attuali approcci terapeutici mirano a ritardare la progressione verso l'insufficienza renale, ma non impediscono la sovrapproduzione di ossalato", ha detto Pushkal Garg, Chief Medical Officer, Alnylam Pharmaceuticals. "Negli studi clinici, lumasiran ha dimostrato riduzioni clinicamente significative e durature dell'ossalato urinario e del plasma, e un profilo di sicurezza e tollerabilità incoraggianti. Siamo lieti che il Chmp abbia riconosciuto l'urgente necessità di nuovi trattamenti in tutte le fasce d'età con l'inclusione dei risultati dell'ILLUMINATO-B per la raccomandazione di approvazione iniziale".

L'opinione positiva si basa sui risultati di efficacia e sicurezza di lumasiran nei pazienti di PH1, inclusi i dati di entrambi gli studi di fase 3 di ILLUMINATO-A e ILLUMINATO-B. I principali endpoint primari e secondari comprendevano la riduzione dell'ossalato urinario e plasmatico e la percentuale di pazienti che hanno raggiunto la normalizzazione o la quasi-normalizzazione dell'ossalato urinario in risposta a OXLUMO rispetto al placebo.

I risultati dello studio ILLUMINATO-A pivotal sono stati presentati nel giugno 2020 al congresso internazionale virtuale dell'European Renal Association-European Dialysis and Transplant Association (ERA-EDTA). I risultati dello studio pediatrico ILLUMINATO-B sono stati riportati a settembre; i risultati dell'analisi primaria saranno presentati al prossimo Congresso annuale virtuale dell'American Society of Nephrology (ASN) il 22 ottobre.

Informazioni su lumasiran
Lumasiran è un RNAi terapeutico che ha come bersaglio la idrossiacido ossidasi 1 (HAO1) ed è stato studiato per il trattamento dell'iperossaluria primaria di tipo 1 (PH1) in tutte le fasce d'età. HAO1 codifica la glicolata ossidasi (GO), un enzima a monte del difetto che causa la malattia nella PH1.

Lumasiran funziona degradando l'RNA messaggero di HAO1 e riducendo la sintesi di GO, che inibisce la produzione epatica di ossalato - il metabolita tossico responsabile delle manifestazioni cliniche di PH1. Nello studio registrativo ILLUMINATO-A, lumasiran ha dimostrato di ridurre significativamente i livelli di ossalato urinario rispetto al placebo, con la maggior parte dei pazienti che raggiungono livelli normali o quasi normali.

Reazioni del sito di iniezione (PVR) sono state le più comuni reazioni avverse legate ai farmaci. Nello studio pediatrico di fase 3 di ILLUMINATO-B, lumasiran ha dimostrato un profilo di efficacia e sicurezza coerente con quello osservato in ILLUMINATO-A.

Lumasiran utilizza la tecnologia del coniugato Alnylam Enhanced Stabilization Chemistry (ESC)-GalNAc, progettata per aumentare la potenza e la durata. Lumasiran viene somministrato tramite iniezione sottocutanea una volta al mese per tre mesi, poi una volta al trimestre a una dose basata sul peso corporeo effettivo.

SEZIONE DOWNLOAD