Leucemia linfatica cronica, venetoclax approvato in Europa come prima linea di trattamento

Ema

La Commissione Europea ha approvato venetoclax in combinazione con obinutuzumab per il trattamento di pazienti adulti affetti da leucemia linfatica cronica (LLC) non trattati in precedenza L'approvazione è valida in tutti i 27 Stati membri dell'UE, nonché in Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Regno Unito.

La Commissione Europea ha approvato venetoclax in combinazione con obinutuzumab per il trattamento di pazienti adulti affetti da leucemia linfatica cronica (LLC) non trattati in precedenza L'approvazione è valida in tutti i 27 Stati membri dell'UE, nonché in Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Regno Unito.

Venetoclax ha un meccanismo d’azione peculiare: come bersaglio ha la proteina BCL2, che ha un ruolo centrale nella sopravvivenza del clone leucemico della LLC. BCL-2 impedisce alle cellule tumorali di subire l'apoptosi, il processo che porta alla morte naturale o all'autodistruzione delle cellule tumorali.

Questa è la terza approvazione per venetoclax: il farmaco è anche approvato in combinazione con rituximab per il trattamento di pazienti adulti con LLC che hanno ricevuto almeno una terapia precedente, e come monoterapia per il trattamento della LLC in presenza o meno della delezione 17p o della mutazione TP53 in pazienti adulti che non sono adatti o che hanno fallito una precedente terapia con un inibitore del percorso dei recettori delle cellule B.

"La LLC è la più comune dei quasi 95mila nuovi casi di leucemia che si verificano in Europa ogni anno, e la chemioterapia è spesso la prima linea di trattamento", ha detto Michael Hallek, ricercatore capo dello studio CLL14 , direttore del Dipartimento di Medicina Interna e del Centro di Oncologia Integrata dell'Ospedale Universitario di Colonia in Germania, e capo del gruppo di studio tedesco sulla LLC. "Avere la possibilità di utilizzare una combinazione di trattamento di prima linea, priva di chemioterapia, che può produrre una risposta profonda, permettendo così ai pazienti di interrompere il trattamento, cambierà il modo in cui trattiamo la LLC e avrà un impatto significativo sui pazienti".

"Questa approvazione sottolinea la crescente utilità di venetoclax nel trattamento della LLC e dimostra il suo beneficio clinico come opzione di terapia combinata senza chemioterapia per i pazienti affetti da LLC in Europa che non sono ancora stati trattati", ha detto Neil Gallagher, Chief Medical Officer e Vice President of Development. "Non vediamo l'ora di portare venetoclax a un numero ancora maggiore di pazienti che possono potenzialmente beneficiare di una risposta profonda e di una sopravvivenza libera da progressione sostenuta, con l'ulteriore vantaggio di una durata finita del trattamento".

Studio che ha portato all’approvazione del farmaco
Questa approvazione più recente si basa sui risultati dell'analisi primaria dello studio clinico di Fase 3 LLC14 (follow-up mediano di 28 mesi), che ha dimostrato una sopravvivenza libera da progressione superiore (PFS; il tempo di trattamento senza progressione della malattia o morte), come valutato dagli sperimentatori nei pazienti trattati con venetoclax plus obinutuzumab rispetto ai pazienti che hanno ricevuto un regime chemioterapico standard di cura a base di clorambucile più obinutuzumab ( hazard ratio 0.35; 95% CI (0,23,0,53), p<0,0001, mediane non ancora raggiunte).

In un'analisi aggiornata dell'efficacia del CLL14 (follow-up mediano di 40 mesi), la PFS mediana non era stata raggiunta nel braccio venetoclax + obinutuzumab ed era di 35,6 mesi [95% CI: 33,7,40,7] nel braccio obinutuzumab + clorambucile (rapporto di rischio 0,31; 95% CI: 0,22, 0,44).

La stima del PFS a 36 mesi nel braccio venetoclax più obinutuzumab era dell'81,9% [95% IC: 76,5, 87,3] e nel braccio obinutuzumab più clorambucil era del 49,5% [95% CI: 42,4, 56,6]. Inoltre, dopo aver completato un anno di trattamento, i pazienti trattati con la combinazione VENCLYXTO hanno avuto una risposta profonda, misurata da tassi più elevati di malattia residua minima non rilevabile (MRD) o di risposta completa (CR) rispetto ai pazienti che ricevono un regime di cura standard.

Nella sperimentazione, gli eventi avversi (AE) sono stati coerenti con i profili di sicurezza noti della sola venetoclax e dell'obinutuzumab. Almeno un AE di qualsiasi grado si è verificato nel 94,3% dei pazienti nel braccio combinato venetoclax. Gli EA di grado 3/4 più comuni erano neutropenia e infezioni. La sindrome da lisi tumorale (TLS) è stata segnalata in tre pazienti del gruppo venetoclax più obinutuzumab (tutti durante il trattamento con obinutuzumab e prima della venetoclax).

Venetoclax è stato sviluppato da AbbVie e Roche. Negli Stati Uniti il farmaco è commercializzato congiuntamente da AbbVie e Genentech, società del Gruppo Roche, e unicamente da AbbVie al di fuori degli Stati Uniti.