Linfoma di Hodgkin, parere positivo del Chmp su brentuximab vedotin in combinazione con AVD nei pazienti adulti non trattati in precedenza

Il Comitato per i medicinali per uso umano dell'Agenzia europea per i medicinali ha adottato un parere positivo per l'estensione dell'autorizzazione all'immissione in commercio di brentuximab vedotin, consigliandone l'approvazione in combinazione con AVD (adriamicina, vinblastina e dacarbazina) nei pazienti adulti con linfoma di Hodgkin CD30-positivo di fase IV non trattati in precedenza. La Commissione europea esaminerà ora la richiesta di una decisione finale di approvazione.

Il Comitato per i medicinali per uso umano dell'Agenzia europea per i medicinali ha adottato un parere positivo per l'estensione dell'autorizzazione all'immissione in commercio di brentuximab vedotin, consigliandone l'approvazione in combinazione con AVD (adriamicina, vinblastina e dacarbazina) nei pazienti adulti con linfoma di Hodgkin CD30-positivo di fase IV non trattati in precedenza.  La Commissione europea esaminerà ora la richiesta di una decisione finale di approvazione.

Una volta autorizzato in via definitiva, dopo alcuni decenni sarà il primo nuovo regime terapeutico accessibile ai pazienti adulti con linfoma di Hodgkin CD30-positivo di stadio IV non trattati in precedenza.

Il parere si basa sui dati positivi dello studio di fase 3 ECHELON-1, che dimostrano come la combinazione con ADCETRIS migliori la sopravvivenza libera da progressione superiore e riduca la necessità di ulteriore trattamento nei pazienti adulti rispetto ad ABVD (adriamicina, bleomicina, vinblastina e dacarbazina), uno standard di cura corrente.

Nello studio, il regime di vedotina brentuximab vedotin ha ridotto il rischio di progressione, morte o inizio di una nuova terapia del 23% rispetto all'ABVD. Il tasso di PFS modificato a 2 anni era dell'82,1% con brentuximab vedotina rispetto al 77,25% per la chemioterapia standard (HR, 0,77; 95% CI, 0,60-0,98; P = .035).

Tra i pazienti con stadio IV di malattia, l'uso di vedotina brentuximab ha portato ad una riduzione del 29% del rischio di progressione, morte o necessità di una nuova terapia (HR, 0.71; P = 0,023).

Joseph Connors, direttore clinico del Center for Lymphoid Cancer presso il BC Cancer di Vancouver, in Canada, e primo autore dello studio, ha affermato che lo standard di cura per i pazienti con linfoma classico Hodgkin di stadio III o IV negli ultimi quarant'anni non è cambiato sostanzialmente. Lo studio ECHELON-1 ha dimostrato un'efficacia superiore della chemioterapia associata a brentuximab vedotin rispetto allo standard di cura con la rimozione della bleomicina. Ciòrappresenta un progresso significativo, perché significa meno tossicità per i pazienti, nonché il potenziale per risultati migliori.

"L'ABVD è insoddisfacente per due motivi. In primo luogo, non riesce a curare la malattia nel 25-30 per cento dei pazienti e il secondo è che ABVD può avere una tossicità maggiore, a volte mortale. Il farmaco più pericoloso nella combinazione ABVD è la bleomicina, che raramente, imprevedibilmente, può causare tossicità polmonare mortale", ha dichiarato Connors. "Questo rappresenta un passo avanti molto utile nel trattamento di questa malattia".

Lo studio ha incluso 1.334 pazienti e ha mostrato che dopo aver ricevuto una media di sei cicli di 28 giorni di trattamento con brentuximab vedotin più AVD, avevano il 23% in meno di probabilità di sperimentare progressione, morte, o l'inizio di una nuova terapia rispetto a quelli che ricevevono ABVD. Ci sono stati 117 (18%) pazienti nel braccio brentuximab vedotin più AVD che hanno sperimentato la progressione della malattia, la morte, o ha iniziato una nuova terapia rispetto ai 146 (22%) pazienti del braccio ABVD.

Connors J, Jurczak W, Straus D J., et al. Brentuximab vedotin plus doxorubicin, vinblastine, dacarbazine (A+AVD) as frontline therapy demonstrates superior modified progression-free survival versus ABVD in patients with previously untreated stage III or IV hodgkin lymphoma (HL): the phase 3 echelon-1 study. Presented at: ASH Annual Meeting and Exposition; Dec. 9-12, 2017; Atlanta. Abstract 6.