Ema

Mieloma multiplio, l'anticorpo bispecifico teclistamab si potrą dare anche ogni due settimane

Teclistamab, il primo anticorpo bispecifico mirato al BCMA ad essere approvato in Europa, ha mantenuto risposte profonde e durature, con una ridotta insorgenza di infezioni di Grado 3 o superiore, in pazienti idonei con mieloma multiplo recidivato e refrattario (RRMM) passando da uno schema di dosaggio settimanale a uno ridotto, bisettimanale.

La Commissione Europea ha concesso l'approvazione di una richiesta di variazione di tipo II per teclistamab, che prevede l'opzione di una frequenza di dosaggio ridotta di 1,5mg/kg ogni due settimane nei pazienti che hanno ottenuto una risposta completa (CR) o superiore per un minimo di sei mesi.

Teclistamab è stato il primo anticorpo bispecifico che ha come bersaglio l'antigene di maturazione delle cellule B (BCMA) sulle cellule del mieloma multiplo e il CD3 sulle cellule T, a ricevere l'approvazione in Europa per il trattamento di pazienti adulti con mieloma multiplo recidivato e refrattario (RRMM) che hanno ricevuto almeno tre terapie precedenti, tra cui un agente immunomodulatore, un inibitore del proteasoma e un anticorpo anti-CD38 e che hanno dimostrato una progressione della malattia con l'ultima terapia.

"L'esperienza di ogni paziente con il mieloma multiplo è unica e richiede un approccio terapeutico diverso, adattato alle sue esigenze specifiche", ha dichiarato Niels van de Donk, professore di ematologia presso l'Amsterdam University Medical Center. "Con una minore incidenza di infezioni di Grado 3 o superiore di nuova insorgenza, bassi tassi di interruzione e mantenimento della profondità delle risposte, questa opzione di dosaggio bisettimanale di teclistamab potrebbe fornire un beneficio sostanziale alle persone affette da mieloma multiplo, offrendo potenzialmente una riduzione del tempo trascorso in ospedale".

L'approvazione della CE è stata sostenuta dai risultati positivi dello studio di Fase 1/2 MajesTEC-1. (Fase 1: NCT03145181; Fase 2: NCT04557098), che valuta la sicurezza e l'efficacia di teclistamab nei pazienti con RRMM.

 I dati più recenti dello studio sono stati recentemente presentati al 2023 American Society of Clinical Oncology (ASCO) Annual Meeting (2-6 giugno, Chicago) e al 2023 European Hematology Association (EHA) Congress (8-11 giugno, Francoforte).

I pazienti dello studio avevano ricevuto una mediana di cinque linee di terapia precedenti (range, 2-14) e, dopo una fase iniziale di step-up, sono stati inizialmente trattati con la dose raccomandata di Fase 2 (RP2D) di 1,5 mg/kg di teclistamab settimanalmente (QW) somministrato per via sottocutanea.1,2 I pazienti che avevano ottenuto una risposta parziale (PR) confermata o migliore dopo quattro o più cicli di trattamento (Fase 1), o una CR confermata o migliore per sei mesi o più (Fase 2), potevano ridurre la frequenza di dosaggio a 1,5 mg/kg per via sottocutanea ogni due settimane (Q2W) fino alla progressione della malattia o a una tossicità inaccettabile.

"Dopo l'approvazione iniziale di teclistamab da parte della Commissione Europea nell'agosto 2022, la nostra ricerca è rimasta concentrata su come continuare a far progredire l'uso di teclistamab per soddisfare meglio le esigenze dei singoli pazienti e migliorare la loro esperienza", ha dichiarato Edmond Chan, Senior Director EMEA Therapeutic Area Lead Haematology presso Janssen-Cilag Limited. "L'odierna approvazione di teclistamab offre ai pazienti idonei, ai loro assistenti e ai medici un'opzione aggiuntiva e più flessibile basata sul peso, con un dosaggio meno frequente a seconda della risposta del paziente.”

Dei 104/165 pazienti responder che avevano ricevuto teclistamab al RP2D, 63 sono passati al dosaggio Q2W.2 I risultati dell'analisi hanno mostrato che al momento del passaggio, l'85,7 per cento dei pazienti ha ottenuto una CR o migliore, il 12,7 per cento ha ottenuto una risposta parziale molto buona (VGPR) e l'1,6 per cento ha ottenuto una PR.

Il tempo mediano di passaggio dalla prima dose QW alla prima dose Q2W è stato di 11,3 mesi (range, 3-30).2 A un follow-up mediano di 12,6 mesi (range, 1-25 dal momento del passaggio, la durata mediana della risposta non era stata ancora raggiunta e il 68,7 per cento (Intervallo di Confidenza [CI] del 95 per cento, 53,6-79,7) dei pazienti che hanno effettuato il passaggio è rimasto in risposta per due o più anni dal momento della prima risposta.2 La nuova insorgenza di infezioni di Grado 3 o superiore dopo 12-18 mesi di follow-up è stata più bassa nei pazienti che sono passati al dosaggio Q2W al 12° mese o prima di tale data rispetto a quelli che hanno mantenuto il dosaggio QW al 12° mese (15,6 per cento vs. 33,3 per cento). Al momento della chiusura dei dati, 41 pazienti (65 per cento) sono rimasti in trattamento.

Studio MajesTEC-1
MajesTEC-1 (NCT03145181, NCT04557098), è uno studio di Fase 1/2 a braccio singolo, in aperto, multicentrico e a coorte multipla per valutare la sicurezza e l'efficacia di teclistamab in adulti con RRMM che hanno ricevuto tre o più linee di terapia precedenti (n=165).
La Fase 1 dello studio (NCT03145181) è stata condotta in due parti: escalation della dose (parte 1) ed espansione della dose (parte 2). Sono state valutate la sicurezza, la tollerabilità, la farmacocinetica e l'efficacia preliminare di teclistamab in partecipanti adulti con RRMM.
La Fase 2 dello studio (NCT04557098) ha valutato l'efficacia di teclistamab alla RP2D, stabilita a 1,5 mg/kg settimanali per via sottocutanea, misurata in ORR.

Informazioni su Teclistamab
Teclistamab è un anticorpo bispecifico pronto all'uso.1 Teclistamab, un'iniezione sottocutanea, reindirizza le cellule T attraverso due bersagli cellulari (BCMA e CD3) per attivare il sistema immunitario dell'organismo a combattere il cancro. Teclistamab è attualmente in fase di valutazione in diversi studi di monoterapia e di combinazione.