Il National Institute for Health and Clinical Excellence (Nice) ha rilasciato la sua valutazione finale  (‘final appraisal determination”) sul farmaco oncologico fulvestrant nella quale non raccomanda il medicinale per le pazienti con carcinoma mammario.

Secondo l’agenzia britannica, non esistono evidenze sufficienti a dimostrare la superiorità del medicinale rispetto alle terapia già esistenti per le donne in post menopausa con carcinoma avanzato metastatico, o localmente avanzato, positivo al recettore  degli estrogeni e già trattate con la terapia anti-estrogenica.
Secondo il Nice, esistono evidenze che il farmaco possa ritardare la crescita del tumore, ma la sua efficacia è ancora incerta rispetto alla terapia con farmaci inibitori dell’aromatasi, che attualmente rappresentano la migliore opzione terapeutica per il sistema sanitario britannico.

Anche se l’azienda produttrice, AstraZeneca, afferma che il farmaco è in grado di aumentare la sopravvivenza delle pazienti rispetto ad anastrazolo e letrozolo, il Nice ha risposto che le prove a favore di fulvestrant rimangono incerte. L’azienda produttrice adesso ha tempo fino al 24 novembre per presentare appello, dopodiché la decisione finale sul medicinale verrà pubblicata il prossimo mese di gennaio.

Fulvestrant è un antagonista del recettore per gli estrogeni non provvisto di effetti agonisti, utilizzato per il trattamento delle donne in post-menopausa affette da carcinoma della mammella metastatico (avanzato) con positività del recettore ormonale. A differenza del tamoxifene o degli inibitori dell'aromatasi, fulvestrant agisce bloccando l'azione degli estrogeni a livello recettoriale e interrompendo il signalling del recettore per gli estrogeni, provocando in tal modo una down-regulation dei recettori per gli estrogeni a livello tumorale, ed un'interruzione di altre pathway di crescita tumorale.

L'obiettivo principale del trattamento del carcinoma mammario metastatico è prevenire la progressione della malattia, mantenendo nel contempo la qualità della vita.
Fulvestrant agisce in maniera diversa rispetto ad altre terapie endocrine; grazie ad un diverso meccanismo d'azione che non solo riduce la crescita e la diffusione del tumore maligno, ma può anche contribuire a diminuire o a ritardare la resistenza al trattamento.

Comunicato del Nice