La Commissione europea ha approvato l'impiego di omalizumab (Xolair, Novartis) quale terapia aggiuntiva nei bambini con età compresa fra 6 e 11 anni affetti da forme severe e persistenti di asma allergico.

L'approvazione si basa principalmente sui dati di uno studio che nei pazienti di età compresa fra 6 e 11 anni trattati con omalizumab per 24 settimane ha evidenziato una riduzione del 34% degli attacchi di asma. Dopo un anno di terapia la riduzione degli attacchi è passata al 50%.

Secondo stime di Novartis, in Europa vi sarebbero circa 34mila bambini che potrebbero beneficiare del farmaco.
Attualmente, omalizumab è approvato in 63 paesi ed è stato impiegato in oltre 62mila pazienti.