Dopo il parere negative delle autorità regolatorie europee, la società svizzera Arpida ha deciso di ritirare l'applicazione dell'antibiotico iclaprim.
Strutturalmente simile a trimetroprim, il farmaco è una diamminopripidina che agisce come inibitore della diidrofolato reduttasi, un enzima ubiquitario responsabile della riduzione del diidrofolato a tetraidrofolato.

In alcuni studi aveva dimostrato di essere efficace come linezolid e meglio tollerato di quest'ultimo.
L'azienda aveva depositato una richiesta di indicazione per le infezioni della pelle e dei tessuti molli.
Rendendosi necessari nuovi e costosi trials clinici l'azienda ha deciso di interrompere lo sviluppo clinico del farmaco in attesa di trovare un partner industriale