La European Medicines Agency sta proseguendo  l'esame dei dati di sicurezza cardiovascolare relative a rosiglitazone e farà sapere le proprie raccomandazioni entro il prossimo mese di settembre. La decisione era inizialmente attesa in questi giorni, invece l'agenzia europea ha preferito prendersi più tempo per esaminare la complessa situazione che si è venuta a creare con la disponibilità di diversi dati nuovi, alcuni più favorevoli al farmaco, altri meno.
Documento dell'Ema