Ema

Shock settico, parere positivo per farmaco a base di angiotensina II umana sintetica

Il Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell'Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha raccomandato l'iniezione di acetato di angiotensina II umana sintetica (Giapreza, La Jolla Pharmaceutical) per l'ipotensione refrattaria negli adulti con shock settico o altri shock che rimangono ipotensivi nonostante l'adeguata restituzione del volume e l'applicazione di catecolamine e altre terapie vasopressori disponibili.

Il Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell'Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha raccomandato l'iniezione di acetato di angiotensina II umana sintetica (Giapreza, La Jolla Pharmaceutical) per l'ipotensione refrattaria negli adulti con shock settico o altri shock che rimangono ipotensivi nonostante l'adeguata restituzione del volume e l'applicazione di catecolamine e altre terapie vasopressori disponibili.

Giapreza imita il peptide regolatore dell'angiotensina II endogeno dell'organismo che è centrale nel sistema renina-angiotensina-aldosterone per aumentare la pressione sanguigna. Il farmaco sarà disponibile come concentrato da 2,5 mg/mL per soluzione per infusione.

Giapreza dovrebbe essere prescritto da medici esperti nel trattamento di shock e utilizzato in ambiente acuto e ospedaliero, ha detto l'Ema in un comunicato stampa. Gli effetti collaterali più comuni sono eventi tromboembolici, ipertensione transitoria, tachicardia e ischemia periferica.

"Il parere positivo del Chmp si basa sui dati dello studio di fase 3 ATHOS-3 (Angiotensin II per il trattamento degli shock ad alta uscita), che ha stabilito la sicurezza e l'efficacia di Giapreza negli adulti con shock settico o altri shock distributivi", ha detto il produttore in un comunicato stampa.

Nel 2017, l’Fda ha approvato Giapreza per aumentare la pressione sanguigna negli adulti con shock settico o altri shock distributivo.

Lo shock rappresenta una forma acuta di insufficienza circolatoria, caratterizzata da un inadeguato flusso ematico, e conseguente apporto di ossigeno, agli organi vitali. Può insorgere nel corso di processi patologici acuti (gravi traumi, infarto del miocardio, emorragie, peritoniti, ecc.), che causano riduzione della perfusione e, quindi, collasso cardiocircolatorio.

Sebbene vi siano diverse forme di shock (ipovolemico, cardiogeno, settico, neurogeno e anafilattico), debolezza, pallore, sudore freddo, polso debole e frequente, ipotensione arteriosa, ipotermia e perdita di coscienza costituiscono i sintomi comuni alle varie forme di shock.