Anemia da beta talassemia, Fda approva il luspatercept, capopstipite di una nuova classe

L'Fda ha approvato il luspatercept per il trattamento dell'anemia in pazienti adulti con beta talassemia che richiedono regolari trasfusioni di globuli rossi (RBC). L'approvazione segna il primo trattamento approvato negli Stati Uniti per questa condizione. Sviluppato da Celgene e Acceleron Pharma sarā messo in commercio con il marchio Reblozyl.

L’Fda ha approvato il luspatercept per il trattamento dell'anemia in pazienti adulti con beta talassemia che richiedono regolari trasfusioni di globuli rossi (RBC). L'approvazione segna il primo trattamento approvato negli Stati Uniti per questa condizione. Sviluppato da Celgene e Acceleron Pharma sarà messo in commercio con il marchio Reblozyl.

Luspatercept è il capostipite della classe degli agenti della maturazione eritroide (EMA), che si ritiene regolino la maturazione degli eritrociti in fase avanzata. Il farmaco è una forma modificata del recettore dell'activina di tipo IIB, una proteina che riveste un ruolo fondamentale nel processo di formazione di nuovi globuli rossi (eritropoiesi). Luspatercept agisce intrappolando i ligandi dell’activina e del recettore del TGF-beta, e bloccando, in tal modo, la trasduzione dei segnali TGF-mediati e activina-mediati. In questo modo, contribuisce al ripristino della maturazione delle cellule ematopoietiche e alla produzione dei globuli rossi.

"Quando i pazienti ricevono multiple trasfusioni di sangue, c'è un rischio di sovraccarico di ferro, che può colpire molti organi," ha dichiarato Richard Pazdur, direttore del centro di eccellenza di oncologia della Fda e direttore ad interim dell'ufficio delle malattie oncologiche nel centro per la valutazione dei farmaci e la ricerca della FDA. "L'approvazione odierna fornisce ai pazienti una terapia che, per la prima volta, aiuterà a ridurre il numero di trasfusioni di sangue. Questa approvazione è un esempio del nostro continuo progresso per le malattie rare e della fornitura anticipata di nuovi importanti farmaci ai pazienti".

Nadim Ahmed, presidente dell'unità di ematologia e oncologia globale di Celgene, ha detto che l'approvazione del nuovo farmaco è una pietra miliare importante per i pazienti con questo disturbo ematologico. La beta-talassemia è un raro disturbo ematico ereditario causato da un difetto genetico dell'emoglobina. La malattia è associata a un'eritropoiesi inefficace, che si traduce nella produzione di RBC sempre meno sani, che spesso porta a gravi anemia - una condizione che può essere debilitante e può portare a complicazioni più gravi per i pazienti, così come altri gravi problemi di salute.

"Ci sono opzioni molto limitate per i pazienti con anemia dovuta alla beta talassemia che dipendono da trasfusioni a lungo termine di globuli rossi. Siamo lieti di rendere disponibile Reblozyl come nuova terapia per questi pazienti per aiutarli ad affrontare la loro anemia, una complicanza clinica significativa della beta talassemia", ha detto Ahmed in un comunicato.

Reblozyl è stato approvato sulla base dei dati dello studio di Fase III BELIEVE. Lo studio ha ottenuto un miglioramento clinicamente significativo e statisticamente significativo nel punto finale primario. I dati hanno mostrato che il 21% dei pazienti che hanno ricevuto Reblozyl ha ottenuto almeno il 33% di riduzione delle trasfusioni rispetto al 4,5% dei pazienti che hanno ricevuto un placebo. La riduzione delle trasfusioni ha significato che il paziente ha avuto bisogno di meno trasfusioni per 12 settimane consecutive durante l'assunzione di Reblozyl, ha detto la FDA nel suo annuncio.

Lo studio ha anche centrato gli end point secondari chiave, tra cui la riduzione del carico trasfusionale di almeno il 33% durante le settimane dalla 37 alla 48a settimana. Questo è stato raggiunto nel 19,6% dei pazienti nel braccio Reblozyl e 3,6% nel braccio placebo, ha detto Celgene e Acceleron. Altri endpoint di efficacia includevano una riduzione del carico trasfusionale di oltre il 50% nelle settimane 13-24 e 37-48. Inoltre, una riduzione del carico trasfusionale superiore al 50% è stata osservata nel 7,6% dei pazienti trattati con Reblozyl contro l'1,8% dei pazienti con placebo.

Effetti collaterali comuni per i pazienti che assumono Reblozyl sono stati mal di testa, dolori ossei, dolori articolari, affaticamento, tosse, dolore addominale, diarrea e vertigini. L’Fda ha messo in guardia contro l'uso nelle donne in gravidanza a causa del rischio di danni al feto e ha anche consigliato agli operatori sanitari di monitorare la pressione sanguigna - circa l'11% dei pazienti che assumono il farmaco durante le prove ha sperimentato questa reazione avversa - e di utilizzare antipertensivi, se necessario. I pazienti dovrebbero anche essere monitorati per la presenza di coaguli di sangue - il 3,6% dei pazienti in luspatercept nello studio BELIEVE ha sperimentato eventi tromboembolici.

Celgene e Acceleron anticipano che Reblozyl sarà disponibile entro una settimana dalla sua approvazione.

Reblozyl è anche in fase di valutazione da parte della Fda per un'altra condizione, la sindrome mielodisplastica, o MDS. La Fda sta attualmente esaminando Reblozyl come trattamento dell'anemia in pazienti adulti con SMD a rischio molto basso o immediato che hanno sideroblasti ad anello e richiedono trasfusioni RBC. Questa revisione si basa sullo studio MEDALIST di Fase III. In quello studio, luspatercept ha ottenuto un miglioramento statisticamente significativo del punto finale primario dell'indipendenza trasfusionale dei globuli rossi (RBC) di almeno otto settimane consecutive di trattamento durante le prime 24 settimane di trattamento rispetto al placebo.

Comunicato Fda