L'Fda ha approvato Corifact, il primo farmaco destinato al trattamento profilattico delle emorragie in persone con deficit genetico congenito del Fattore XIII della coagulazione.  Il farmaco è somministrato ogni 28 giorni per via endovenosa.

La carenza congenita di fattore XIII è rara e colpisce circa 1 persona su 2 milioni. In Usa le persone che hanno carenza di questo fattore sono circa 150. Il deficit può portare a ecchimosi dei tessuti molli, sanguinamento delle mucose e emorragia intracranica fatale. I neonati con deficit di Fattore XIII possono avere emorragie del cordone ombelicale.

L'Fda ha approvato Corifact sulla base dei  risultati di uno studio clinico che ha arruolato 14 pazienti con deficit congenito di Fattore XIII, compresi alcuni bambini. I più comuni effetti osservati sono state le reazioni di ipersensibilità (allergia, eruzioni cutanee, prurito ed eritema), brividi, febbre, artralgia, mal di testa, elevati livelli di trombina-antitrombina, e un aumento degli enzimi epatici.

Corifact ricevuto dall'Fda lo status di farmaco orfano, perché esso è destinato ad uso in una malattia rara.
E 'stato approvato per la commercializzazione con la procedura di approvazione accelerata che richiede ulteriori studi a conferma dei benefici clinici finora evidenziati.

Corifact è realizzato con un pool di plasma di donatori sani. Le persone che ricevono Corifact possono sviluppare anticorpi contro il fattore XIII che possono rendere il prodotto inefficace.

Con il marchio Fibrogammin, il prodotto è già disponibile in 12 paesi: Argentina, Austria, Belgio, Brasile, Francia, Germania, Gran Bretagna, Indonesia, Israele, Giappone, Lussemburgo, e Svizzera.