Si riunirà il prossimo 20 luglio il comitato di esperti dell'Fda chiamato a esprimersi sull'approvazione dell'antitumorale bevacizumab (Avastin, Roche) in due nuove indicazioni nel carcinoma mammario avanzato: il trattamento di prima linea delle pazienti con tumore metastatico HER2-negativo in combinazione con docetaxel oppure con altri farmaci chemioterapici.

Bevacizumab, che è il farmaco più venduto dell'azienda, è già approvato per il trattamento di diversi tipi di tumori, tra cui quello del colon, del rene e del polmone, oltre che della mammella.

Il comitato riesaminerà anche i dati degli studi registrativi su cui si è basata l'approvazione del biologico in prima linea, in combinazione con paclitaxel, nelle pazienti con cancro al seno metastatico HER-2 negativo. Il via libera a questa indicazione si era infatti basato su un iter registrativo accelerato, che prevede la conduzione di studi di follow-up per confermare l'efficacia del farmaco e quindi anche le indicazioni ottenute con questa procedura.