Cancro ai polmoni a piccole cellule, Fda approva durvalumab in prima linea

Oncologia-Ematologia

L'Fda ha approvato il durvalumab per il trattamento di prima linea di pazienti adulti con carcinoma polmonare a piccole cellule con malattia estesa (stadio IV) (ES-SCLC) da utilizzare in combinazione con la chemioterapia standard, incluso etoposide pių carboplatino o cisplatino.

L’Fda ha approvato il durvalumab per il trattamento di prima linea di pazienti adulti con carcinoma polmonare a piccole cellule con malattia estesa (stadio IV) (ES-SCLC) da utilizzare in combinazione con la chemioterapia standard, incluso etoposide più carboplatino o cisplatino.

L'approvazione si basa sui risultati dello studio di fase III CASPIAN, in cui l'aggiunta dell'inibitore di PD-L1 alla chemioterapia ha ridotto il rischio di morte del 27% rispetto alla sola chemioterapia (HR, 0,73; 95% CI, 0,591-0,909; P = .0047). La sopravvivenza globale mediana (OS) è passata da 10,3 mesi (95% CI, 9,3-11,2) con la sola chemioterapia con etoposide/platino a 13,0 mesi (95% CI, 11,5-14,8) con l'aggiunta di durvalumab.

"L'approvazione statunitense di Imfinzi porta una nuova medicina per i pazienti affetti da tumore polmonare a piccole cellule a stadio estensivo che hanno urgente bisogno di nuove opzioni", ha dichiarato in un comunicato stampa. Dave Fredrickson, vicepresidente esecutivo della Business Unit Oncologia di AstraZeneca, l’azienda che ha sviluppato il farmaco, "Imfinzi è l'unica immunoterapia che mostra sia un significativo beneficio in termini di sopravvivenza che un migliore tasso di risposta in combinazione con la chemioterapia per questi pazienti, un importante passo avanti nel trattamento di questa devastante malattia".

Lo studio CASPIAN ha valutato il durvalumab con o senza l'inibitore CTLA-4 tremelimumab più la chemioterapia. Entrambi i bracci sono stati confrontati con la sola chemioterapia a base di platino/etoposide. I pazienti assegnati alla sola chemioterapia potevano essere sottoposti ad irradiazione cranica profilattica (PCI) a discrezione del medico curante. Un'analisi intermedia ha mostrato un vantaggio significativo per il braccio durvalumab/chemioterapico (senza tremelimumab) rispetto alla sola chemioterapia.

Il secondo braccio sperimentale, che include l'aggiunta di tremelimumab al durvalumab e la chemioterapia standard recentemente completata, ma non ha soddisfatto il suo endpoint primario di OS. I risultati completi saranno presentati in un prossimo incontro medico.

L'analisi ad interim ha incluso 268 pazienti randomizzati a durvalumab/chemioterapia e 269 trattati con la sola chemioterapia. I pazienti avevano un'età media di circa 62 anni, gli uomini rappresentavano circa il 70% dei pazienti, circa il 45% erano fumatori attuali, circa il 47% erano ex-fumatori e il 10% dei pazienti aveva metastasi cerebrali o del SNC. Il PCI è stato somministrato all'8% dei pazienti nel braccio etoposide/platino.

Il tasso di OS a 12 mesi era del 53,7% nel braccio durvalumab e del 39,8% con la sola chemioterapia, mentre il tasso di OS a 18 mesi era del 33,9% con durvalumab e del 24,7% senza. L'analisi del sottogruppo ha dimostrato un beneficio consistente per il braccio durvalumab/chemioterapia.

La sopravvivenza libera da progressione mediana (PFS) è stata simile tra i 2 bracci (5,1 mesi con durvalumab e 5,4 mesi senza). L'analisi del tasso di PFS a 12 mesi ha mostrato un grande vantaggio a favore della durvalumab (17,5% vs 4,7%).

I tassi di risposta oggettivi sono stati del 68% per il gruppo durvalumab più chemioterapia e del 58% per i pazienti che hanno ricevuto solo chemioterapia, il che rappresenta un aumento del 56% della probabilità di risposta con l'aggiunta di durvalumab alla chemioterapia.

La durata mediana della risposta è stata identica nei 2 bracci di trattamento (5,1 mesi), ma i tassi di risposta a 12 mesi sono stati del 22,7% con durvalumab contro il 6,3% con la sola chemioterapia.

I 2 bracci di trattamento avevano profili di sicurezza simili. In una proporzione simile di pazienti nei due gruppi di trattamento si sono verificati eventi avversi di qualsiasi grado, eventi avversi di grado 3/4, eventi avversi gravi, eventi avversi che hanno portato all'interruzione del trattamento e eventi avversi che hanno portato alla morte. Non sorprende che gli AA correlati al sistema immunitario si siano verificati più spesso con il durvalumab (19,6%) che con la sola chemioterapia (2,6%).

Per più di 3 decenni, l'etoposide con cisplatino o carboplatino ha rappresentato il trattamento di prima linea per i pazienti con ES-SCLC, ed esistevano poche alternative. Le combinazioni etoposide-platino producono alti tassi di risposta iniziale, ma le risposte di solito non sono durature. La ricaduta si verifica di solito entro 6 mesi e la S.O. mediana è di circa 10 mesi.

Lo studio CASPIAN, che viene condotto in oltre 200 località in 23 paesi, continua fino all'analisi finale della SOS per la coorte di pazienti che ricevono durvalumab più tremelimumab e chemioterapia.

Durvalumab è approvato dalla Fda per il trattamento di pazienti con tumore polmonare non a piccole cellule di stadio III non resecabile localmente avanzato, che siano andati in progressione dopo la chemioradioterapia. L'inibitore di PD-L1 ha anche un'indicazione approvata dalla Fda per il trattamento di pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico che hanno una progressione della malattia durante o dopo la chemioterapia contenente platino, o che hanno una progressione della malattia entro 12 mesi dal trattamento neoadiuvante o adiuvante con chemioterapia contenente platino.