Cancro al seno metastatico con mutazione BRCA, approvazione Fda per olaparib

L'Fda ha approvato l'uso di olaparib per il trattamento delle pazienti con cancro al seno in fase metastatica i cui tumori abbiano la mutazione BRCA. Le pazienti eligibili a trattamento con olaparib saranno selezionate sulla base di un test genetico approvato dalla Fda, chiamato BRACAnalysis CDx.

L’Fda ha approvato l’uso di olaparib per il trattamento delle pazienti con cancro al seno in fase metastatica i cui tumori abbiano la mutazione BRCA. Le pazienti eligibili a trattamento con olaparib saranno selezionate sulla base di un test genetico approvato dalla Fda, chiamato BRACAnalysis CDx.

Olaparib è un inibitore orale first-in-class dell’enzima PARP (poli ADP-ribosio polimerasi) che blocca un enzima coinvolto nella riparazione del DNA danneggiato. Bloccando questo enzima, il DNA all'interno delle cellule cancerose con geni BRCA danneggiati è meno probabile che venga riparato, portando alla morte cellulare (apoptosi) e a un rallentamento o arresto della crescita tumorale.

“Questa classe di farmaci, di cui olaparib è il capostipite,  viene già utilizzata per trattare il cancro ovarico avanzato e sottoposto a mutazione BRCA e ha dimostrato efficacia nel trattamento di alcuni tipi di cancro al seno sottoposto a mutazione BRCA ", ha dichiarato Richard Pazdur, direttore del Centro di Eccellenza Oncologica della FDA e direttore dell' Ufficio di Ematologia e Prodotti Oncologici presso il Centro per la Valutazione e la Ricerca sui Farmaci della FDA. Questa approvazione dimostra l' attuale paradigma dello sviluppo di farmaci che si rivolgono alle cause genetiche soggiacenti di un cancro, spesso in tutti i tipi di cancro ".

Il cancro al seno è la forma più comune di cancro negli Stati Uniti. Il National Cancer Institute presso i NIH stima che quest’anno il cancro al seno sia diagnosticato a 252.710 donne e chee 40.610 moriranno della malattia.
Circa il 20-25 per cento delle pazienti con tumori mammari ereditari e il 5-10 per cento dei pazienti con qualsiasi tipo di cancro al seno hanno una mutazione BRCA.

I geni BRCA sono coinvolti nella riparazione del DNA danneggiato e normalmente lavorano per prevenire lo sviluppo tumorale. Tuttavia, le mutazioni di questi geni possono portare ad alcuni tipi di cancro, compresi i tumori al seno.

Olaparinb è stato approvato per la prima volta dalla FDA nel 2014 per trattare alcune pazienti con cancro ovarico ed è ora indicato anche per il trattamento dei pazienti con gene germline di sensibilità al cancro al seno (BRCA) mutato, umano epidermico fattore di crescita del recettore 2 fattore epidermico (HER2)-negativo cancro al seno metastatico, che sono stati precedentemente trattati con chemioterapia.

Per poter essere trattate con olaparib, le pazienti con tumore mammario positivo al recettore ormonale (HR) dovranno aver ricevuto una terapia ormonale precedente (endocrina) o essere considerate inappropriate per il trattamento endocrino.

Gli effetti collaterali comuni di olaparib includono bassi livelli di globuli rossi (anemia), bassi livelli di alcuni globuli bianchi (neutropenia, leucopenia), nausea, stanchezza, vomito, nasofaringite, infezioni delle vie respiratorie, influenza, diarrea, dolore articolare (artralgia/mialgia), sensazione gustativa insolita (disgeusia), mal di testa, indigestione.
Gravi effetti collaterali di olaparib includono lo sviluppo di alcuni tumori del sangue o del midollo osseo (sindrome mielodisplastica / leucemia mieloide acuta) e infiammazione nei polmoni. Olaparib può causare danni al feto in via di sviluppo; le donne dovrebbero essere avvertite del rischio potenziale per il feto e di usare una contraccezione efficace. Le donne che assumono olaparinb non dovrebbero allattare al seno in quanto potrebbe causare danni al neonato.

Lo studio OlympiAD
La sicurezza e l'efficacia di olaparib per il trattamento del cancro al seno si basa sui dati dello studio di fase III OlympiAD, un trial clinico randomizzato che ha arruolato 302 pazienti affette da tumore al seno metastatico HER2 negativo con mutazione germinale BRCA. Lo studip è stato pubblicato sul NEJM nel mese di agosto del 2017.

Lo studio ha misurato la durata del tempo in cui i tumori non hanno avuto una crescita significativa dopo il trattamento (sopravvivenza senza progressione). La sopravvivenza mediana senza progressione per i pazienti che assumevano olaparib era di 7 mesi rispetto ai 4,2 mesi per i pazienti che assumevano solo chemioterapia.

Lo studio ha valutato la sicurezza e l’efficacia di olaparib (300mg due volte al giorno) rispetto alla terapia standard con chemioterapia (capecitabina, vinorelbina, eribulina) in 302 pazienti con tumore al seno metastatico HER2 negativo, con mutazioni della linea germinale BRCA1 e BRCA2, con sospetto o conferma di effetto deleterio. Lo studio internazionale è stato condotto in 19 Paesi in Europa, Asia, Nord America e Sud America.

Gli endpoint secondari includono la sopravvivenza globale (OS), il tempo trascorso prima di una seconda progressione o di morte (PFS2), il tasso di risposta obiettiva (ORR), e l’effetto sulla qualità della vita in relazione alla salute (HRQoL).

Comunicato Fda