Il comitato di esperti sui farmaci infettivologici dell'Fda ha votato all'unanimità, senza astensioni, a favore dell'approvazione della ceftarolina (Cerexa, Forest Laboratories) per il trattamento della polmonite batterica acquisita in comunità (CABP) e delle infezioni complicate della cute e dei tessuti molli (cSSSI).

La ceftarolina è una nuova cefalosporina ad ampio spettro con attività contro i batteri Gram-positivi aerobi e anaerobi e contro i Gram-negativi aerobi associati alle infezioni cutanee e respiratorie. È attivo anche contro Staphylococcus aureus meticillino-resistente e Streptococcus pneumoniae.

Il parere positivo del comitato si basa principalmente sui dati due studi di fase III sulla CABP (FOCUS I e FOCUS II) e altri due di fase III sulla cSSSI (CANVAS I and CANVAS II).

La decisione, hanno fatto sapere i membri del panel, è stata facile da prendere grazie alla solidità dei dati presentati, anche se è stata espressa qualche perplessità circa la generalizzabilità dei risultati sulla CABP ai pazienti americani, poiché i dati provengono da una popolazione dell'Europa dell'Est.
Il verdetto finale dell'Fda è atteso entro l'ultimo trimestre dell'anno.

Nel frattempo, Forest sta sviluppano anche un'associazione formata da ceftarolina e NXL104, un nuovo inibitore delle beta-lattamasi. La combinazione dei due antibiotici potenzia l'attività antibatterica in vitro della ceftarolina contro i Gram-negativi produttori di beta-lattamasi ad ampio spettro (ESBL), che sono di norma resistenti a tutte le cefalosporine ad ampio spettro attualmente disponibili.