L’Fda ha approvato una nuova formulazione di ossicodone studiata per evitare le forme di abuso. Il farmaco, che una volta in commercio si chiamerà  Oxecta, è indicato per la cura del dolore da moderato a severo. Sviluppato dalla biotech Acura Pharmaceuticals, il farmaco è di proprietà di Pfizer che ne ha acquisito i diritti mondiali.

Il farmaco usa una tecnologia proprietaria anti abuso, denominata Aversion®, che rende quasi impossibile la dissoluzione del farmaco in acqua o alcol per poi iniettare il preparato al fine di usarlo come stupefacente. In questi casi, se il farmaco è posto a contatto con questi solventi, si forma un gel molto viscoso che non può essere iniettato rendendone impossibile l’impiego non consentito.

Quale compenso dell’approvazione di tipo regolatorio, Acura riceverà da Pfizer un pagamento di 20 milioni di dollari. Il prodotto era stato inizialmente sviluppato da Acura in partnership con  King Pharmaceuticals e si sarebbe dovuto chiamare Acurox. Lo scorso mese di marzo, King è stata acquisita da Pfizer con un esborso di 3,3 miliardi di dollari.

Nel 2009 l’Fda aveva bocciato la formulazione originale del farmaco che all’ossicodone associava  la niacina in dosi tali da determinare l'insorgenza di rash cutanei molto fastidiosi, qualora il paziente avesse assunto più delle due compresse raccomandate.

Adesso l’Fda ha chiesto all’azienda di condurre uno studio atto a dimostrare se il farmaco reduce le conseguenze dell’abuso e dell’uso improprio.

La maggior parte degli oppiodi usati in maniera impropria hanno formulazioni long acting. Per questa ragione, Pfizer sta anche sviluppando Remoxy,  una formulazione  di ossicodone a lunga durata d’azione resistente alle manomissioni. Il prossimo 23 giugno l’Fda esaminerà il farmaco.