Fluorochinoloni possono causare ipoglicemia fatale e disordini neuropsichiatrici, Fda aggiorna le avvertenze

Secondo una revisione interna della sicurezza da parte della Fda, i fluorochinoloni hanno causato almeno 67 casi di coma ipoglicemico potenzialmente letale, tra cui ci sono stati 13 decessi e 9 lesioni permanenti e invalidanti. Due terzi dei casi (44) erano associati alla levofloxacina. La revisione ha anche riscontrato nuovi effetti neuropsichiatrici associati alla classe, inclusi disturbi dell'attenzione, disturbi della memoria e delirio.

Secondo una revisione interna della sicurezza da parte della Fda, i fluorochinoloni hanno causato almeno 67 casi di coma ipoglicemico potenzialmente letale, tra cui ci sono stati 13 decessi e 9 lesioni permanenti e invalidanti. Due terzi dei casi (44) erano associati alla levofloxacina. La revisione ha anche riscontrato nuovi effetti neuropsichiatrici associati alla classe, inclusi disturbi dell'attenzione, disturbi della memoria e delirio.

A fronte di questi risultati, l'agenzia rafforzerà le avvertenze sui foglietti illustrativi di tutti i fluorochinoloni, che già menzionano i potenziali problemi di ipoglicemia e di salute mentale, specialmente nelle persone anziane.

«L'uso dei fluorochinoloni ha un posto nel trattamento di gravi infezioni batteriche, come alcuni tipi di polmonite batterica, in cui i benefici di questi farmaci superano i rischi e dovrebbero rimanere disponibili come opzione terapeutica. La Fda continua a impegnarsi a mantenere aggiornate le informazioni sui rischi di questi prodotti per garantire che i sanitari e i pazienti prendano una decisione informata sul loro uso», ha dichiarato Edward Cox, direttore dell'Ufficio di prodotti antimicrobici nel centro per la valutazione e la ricerca sui farmaci della Fda.

«Gli operatori sanitari dovrebbero essere consapevoli del potenziale rischio di ipoglicemia, a volte con conseguente coma, che si verificano più frequentemente negli anziani e nei diabetici in trattamento con un ipoglicemizzante orale o insulina», riporta la dichiarazione della Fda. «Inoltre dovrebbero avvisare i pazienti con i sintomi di ipoglicemia e monitorare attentamente i loro livelli di glucosio nel sangue oltre che informarli su come comportarsi se hanno sintomi di ipoglicemia.

Dovrebbero informare i pazienti sul rischio di reazioni avverse psichiatriche, che possono verificarsi dopo anche una sola dose. Interrompere immediatamente il trattamento con fluorochinolone se un paziente segnala effetti collaterali a carico del sistema nervoso centrale, incluse reazioni avverse psichiatriche o disturbi del glucosio ematico e, se possibile, passare a una diversa classe di antibiotici».

La dichiarazione avverte anche di non prescrivere i fluorochinoloni a pazienti che hanno altre opzioni di trattamento per sinusite batterica acuta, esacerbazione batterica acuta della bronchite cronica e infezioni del tratto urinario non complicate, perché in questi pazienti i rischi superano i benefici.

La revisione della Fda
La revisione post-marketing ha coinvolto ciprofloxacina, gemifloxacina, levofloxacina, moxifloxacina e ofloxacina, mentre il nuovo fluorochinolone approvato un anno fa, delafloxacina, non è stato incluso. Le nuove avvertenze saranno comunque incluse nel suo foglietto interno, dal momento che ci si aspettano gli stessi effetti collaterali comuni alla classe.

L'agenzia ha esaminato i casi presenti nel FAERS (Fda Adverse Event Reporting System) e nella letteratura medica pubblicata nel trentennio 1987-2017. La levofloxacina ha causato la maggior parte degli incidenti (44), seguita da ciprofloxacina (12), moxifloxacina (9) e ofloxacina (2). Quattro dei fluorochinoloni hanno un'interazione farmacologica marcata con la sulfonilurea, che può portare a ipoglicemia.

Dei 54 pazienti sopravvissuti, 9 non sono completamente guariti e hanno riportato disabilità permanenti. Quattro pazienti sono rimasti in coma per almeno 1 mese, nonostante la normalizzazione della glicemia. Cinque hanno sperimentato qualche tipo di danno neurologico.

Avvertenze per effetti neuropsichiatrici
Le modifiche ai foglietti illustrativi rafforzeranno anche le avvertenze sugli effetti collaterali sulla salute mentale, dopo che sono state rilevate nuove reazioni tra cui il disturbo dell'attenzione, disturbi della memoria e delirio.

«Abbiamo scoperto che le reazioni avverse psichiatriche riportate tra le avvertenze non erano coerenti. Per armonizzarle e per inserire i nuovi effetti collaterali, richiediamo che tutti i fluorochinoloni includano sei reazioni avverse psichiatriche (disturbi dell'attenzione, disturbi della memoria, delirio, nervosismo, agitazione e disorientamento). Le nuove modifiche renderanno le reazioni avverse psichiatriche più importanti e più coerenti».

In precedenza la Fda aveva allertato in merito ad altri eventi avversi associati a questa classe di antibiotici: nel 2008 per tendinite e rottura del tendine, nel 2011 per rischio di peggioramento dei sintomi della miastenia grave, nel 2013 per neuropatia periferica irreversibile e nel 2016 per limitarne l'impiego in alcune infezioni non complicate e per possibili effetti permanenti su muscoli, tendini, articolazioni, nervi e sistema nervoso centrale