Leucemia linfatica cronica, Fda approva acalabrutinib 

Due mesi dopo la designazione di Breakthrough Therapy Designation, cacalabrutinib la di AstraZeneca ottiene l'approvazione della Food and Drug Administration (FDA) statunitense per il trattamento di pazienti adulti affetti da leucemia linfatica cronica (LLC).

Due mesi dopo la designazione di Breakthrough Therapy Designation, cacalabrutinib la di AstraZeneca ottiene l'approvazione della Food and Drug Administration (FDA) statunitense per il trattamento di pazienti adulti affetti da leucemia linfatica cronica (LLC).

Il farmaco è già approvato dall’Fda per il trattamento di pazienti con linfoma a cellule mantellari recidivante/refrattario. Sviluppato da AstraZeneca, è in commercio con il marchio Calquence

Acalabrutinib si lega covalentemente alla BTK, inibendone così l'attività. Nelle cellule B, la segnalazione di BTK si traduce nell'attivazione dei percorsi necessari per la proliferazione delle cellule B, il trafficking cellulare, la chemiotassi e l'adesione.

Si tratta della seconda approvazione ottenuta nell'ambito del progetto Orbis, una collaborazione tra la Fda e l'Australian Therapeutic Goods Administration and Health Canada. La FDA ha inoltre utilizzato il programma pilota Real-Time Oncology Review per la revisione della domanda di acalabrutinib (Calquence, AstraZeneca), un processo che ha lo scopo di semplificare la presentazione dei dati prima del completamento dell'intera domanda di registrazione del farmaco.
Per differenziarsi da ibrutinib, acalabrutinib punta su una migliore tollerabilità perché secondo quanto riferisce l’azienda avrebbe meno effetti collaterali. Circa il 30% - 40% dei pazienti in terapia con ibrutinib hanno difficoltà a tollerare il farmaco a causa di problemi di emorragia o battiti cardiaci irregolari, che li costringe a smettere di prenderlo. Acalabrutinib ha evidenziato tassi più bassi di questi effetti collaterali.

Dati a supporto della nuova approvazione
I dati di due studi di Fase III, ASCEND e ELEVATE-TN, sono stati utilizzati come base per la designazione della terapia innovativa e per l'approvazione da parte dell’agenzia americana. Lo studio ELEVATE-TN è stato interrotto a giugno dopo che acalabrutinib ha raggiunto i suoi endpoint dopo un'analisi intermedia.
Nello studio ELEVATE-TN, acalabrutinib  combinato con l'obinutuzumab e come monoterapia ha ridotto il rischio di progressione della malattia o morte rispettivamente del 90% e dell'80%, rispettivamente. I risultati completi dell'analisi intermedia di quello studio saranno presentati al prossimo congresso della American Society of Hematology.

Acalabrutinib  ha centrato gli endpoint primari in pazienti con LLC non trattati in precedenza, che è il tipo più comune di leucemia negli adulti. In maggio, AstraZeneca ha interrotto lo studio ASCEND presto dopo che il farmaco aveva raggiunto il suo end point primario in un'analisi intermedia. Simile allo studio ELEVATE-TN, i dati Adi SCEND hanno mostrato che la acalabrutinib  ha raggiunto l’obiettivo di migliorare la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti affetti da LLC precedentemente trattati. Lo studio ASCEND ha dimostrato la prima volta che un inibitore della tirosina chinasi di Bruton tyrosine kinase (BTK) ha mostrato un beneficio nella LLC anche come monoterapia.

Insieme, gli studi hanno dimostrato che la acalabrutinib  in combinazione con l'obinutuzumab o come monoterapia ha ridotto significativamente il rischio relativo di progressione della malattia o morte rispetto ai bracci di confronto sia nella LLC di prima linea che nella LLC recidivante o refrattaria.

Jeff Sharman, autore principale dello studio ELEVATE-TN e direttore della ricerca presso il Willamette Valley Cancer Institute, ha aggiunto che la tollerabilità è un problema nel panorama attuale del trattamento della LLC, in particolare perché molti pazienti sono sottoposti a terapia per anni.

"Negli studi ELEVATE-TN e ASCEND, che confrontano acalabrutinib  con i regimi di trattamento comunemente usati, il nuovo farmaco ha dimostrato un miglioramento clinicamente significativo nella sopravvivenza libera da progressione in pazienti in contesti multipli, pur mantenendo il suo favorevole profilo di tollerabilità e sicurezza", ha detto Sharman.

Acalabrutinib è già approvato per il trattamento di adulti con linfoma a cellule mantellari refrattario o recidivante (MCL) ed è in fase di sviluppo per il trattamento della LLC e di altri tumori del sangue. AstraZeneca sta pianificando la ricerca di ulteriori approvazioni per acalabrutinib  sulla base dei due studi clinici di cui abbiamo parlato poc’anzi.

Quando acalabrutinib  è stato approvato per la prima volta nel 2017, l'amministratore delegato di AstraZeneca, Pascal Soriot, aveva dichiarato che il farmaco sarebbe diventato una pietra angolare della pipeline ematologica dell'azienda.