Leucemia mieloide acuta, midostaurina riceve dalla FDA la designazione di "farmaco fortemente innovativo"

La US Food and Drug Administration (FDA) ha concesso a PKC412 (midostaurina) la designazione di "Farmaco fortemente innovativo" (Breakthrough Therapy). Sviluppato da Novartis, PKC412 (midostaurina) un trattamento sperimentale destinato ai pazienti adulti con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi, positivi alla mutazione FLT3 - come rilevato da un test approvato dalla FDA - e idonei a ricevere la chemioterapia standard di induzione e consolidamento.

La US Food and Drug Administration (FDA) ha concesso a PKC412 (midostaurina) la designazione di “Farmaco fortemente innovativo” (Breakthrough Therapy). Sviluppato da Novartis, PKC412 (midostaurina) è un trattamento sperimentale destinato ai pazienti adulti con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi, positivi alla mutazione FLT3 – come rilevato da un test approvato dalla FDA – e idonei a ricevere la chemioterapia standard di induzione e consolidamento.

La designazione di Breakthrough Therapy per PKC412 (midostaurina) si basa principalmente sui risultati positivi dello studio clinico di Fase III RATIFY (CALGB 10603). Questo studio – condotto in collaborazione con Alliance for Clinical Trials in Oncology – è stato presentato nel corso di una sessione plenaria del 57° meeting annuale della American Society of Hematology (ASH)4.
I pazienti che hanno ricevuto PKC412 (midostaurina) e la chemioterapia standard di induzione e consolidamento hanno ottenuto un miglioramento significativo della sopravvivenza globale (OS, overall survival) (hazard ratio = 0,77, p = 0,0074), rispetto a coloro che hanno ricevuto solo la chemioterapia standard di induzione e consolidamento.

La OS mediana per i pazienti nel gruppo di trattamento con PKC412 (midostaurina) è stata di 74,7 mesi (intervallo di confidenza [IC] al 95%: 31,7, non raggiunto), rispetto a 25,6 mesi (IC 95%: 18,6, 42,9) per i pazienti nel gruppo placebo.
Non è stata osservata alcuna differenza statisticamente significativa nel tasso complessivo di eventi avversi ematologici e non ematologici di grado 3 o superiore tra il gruppo di trattamento con PKC412 (midostaurina) e il gruppo con placebo4. In totale sono stati riportati 37 decessi, senza che tra i due gruppi venisse osservata alcuna differenza in termini di decessi correlati al trattamento4.

“Per oltre 25 anni la medicina ha ottenuto solo progressi limitati per i pazienti con AML e la strategia di trattamento basata sulla chemioterapia è rimasta sostanzialmente invariata”, ha dichiarato Alessandro Riva, MD, Global Head, Novartis Oncology Development and Medical Affairs. “Siamo ansiosi di iniziare a collaborare con la FDA per rendere disponibile ai pazienti il più presto possibile PKC412 (midostaurina), potenzialmente la prima terapia mirata per la AML”.

Secondo la FDA, la designazione di Breakthrough Therapy ha lo scopo di accelerare lo sviluppo e la revisione di nuovi farmaci destinati al trattamento di patologie gravi o potenzialmente fatali, e viene concessa se la terapia ha dimostrato un miglioramento sostanziale rispetto ai trattamenti disponibili per almeno un endpoint clinicamente significativo. La designazione include tutte le caratteristiche del programma Fast Track, così come maggiori indicazioni da parte della FDA per un programma di sviluppo del farmaco che sia più efficiente5.

Negli Stati Uniti, nel 2015, circa 20.000 persone – la maggior parte delle quali adulti – hanno ricevuto una diagnosi di leucemia mieloide acuta6. Secondo le ultime ricerche, circa un terzo dei pazienti con AML è anche portatore di una mutazione del gene FLT37, un fenomeno associato a esiti peggiori e a un minore tasso di sopravvivenza rispetto ai soggetti senza la mutazione8. PKC412 (midostaurina) è il primo farmaco mirato al gene FLT3 a dimostrare un beneficio in termini di sopravvivenza globale nella AML4.

Poiché per il momento PKC412 (midostaurina) è in fase di sperimentazione, in attesa di essere sottoposta all’approvazione della FDA, Novartis ha aperto un Global Individual Patient Program (programma di uso compassionevole) e un US Expanded Treatment Protocol (ETP), al fine di consentirne l’accesso. Saranno presi in considerazione i pazienti a partire dai 18 anni di età con AML e mutazione di FLT3 neo diagnosticata e in grado di ricevere la terapia standard di induzione e consolidamento.

Al fine di contribuire all’identificazione dei pazienti che potrebbero avere una mutazione di FLT3 e che potrebbero pertanto beneficiare potenzialmente del trattamento con PKC412 (midostaurina), Novartis sta collaborando con Invivoscribe Technologies, Inc., che sta inoltrando le domande di autorizzazione regolatoria per uno strumento diagnostico correlato.

La leucemia mieloide acuta (AML, acute myeloid leukemia) e la mutazione di FLT3
La AML è una forma aggressiva di tumore ematologico e del midollo osseo9. Essa impedisce ai globuli bianchi di maturare, provocando un accumulo di “blasti”, i quali non lasciano spazio alle normali cellule ematiche9. La AML è la forma di leucemia acuta più comune negli adulti, ma ha anche il tasso  di sopravvivenza più basso1. A livello globale, la AML rappresenta il 25% circa di tutte le leucemie degli adulti, con i tassi di incidenza più elevati registrati negli Stati Uniti, in Europa e in Australia1.
In molti casi di leucemia mieloide acuta vengono identificate mutazioni di geni specifici e il test con i biomarcatori è considerato lo standard terapeutico per riuscire a determinare la migliore opzione di trattamento possibile nei pazienti neo diagnosticati7. Il tirosina chinasi-3 FMS-simile (FLT3) è un recettore della tirosina chinasi, un tipo di recettore presente sulla superficie cellulare che svolge un ruolo nella proliferazione di alcune cellule ematiche.

PKC412 (midostaurina)
PKC412 (midostaurina) è un inibitore orale sperimentale multi-target della chinasi, in via di sviluppo per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta con una mutazione FLT3. Il suo profilo di sicurezza ed efficacia non è stato ancora completamente stabilito. Non vi è alcuna garanzia che PKC412 (midostaurina) sarà disponibile in commercio.
PKC412 (midostaurina) è in fase di studio anche per il trattamento della mastocitosi sistemica aggressiva/leucemia mastocitaria.