Fda

Linfoma di Hodgkin (stadio III/IV), approvazione Fda per brentuximab vedotin in prima linea

Dopo oltre 40 anni, Ŕ stato approvato dall'Fda il primo nuovo regime in prima linea nel linfoma Hodgkin. Lo scorso 20 marzo, il brentuximab vedotin in combinazione con la chemioterapia ha ottenuto l'approvazione per l'uso in pazienti adulti con linfoma classico Hodgkin di stadio III o IV non trattato in precedenza.

Dopo oltre 40 anni, è stato approvato dall’Fda il primo nuovo regime in prima linea nel linfoma Hodgkin. Lo scorso 20 marzo, il brentuximab vedotin in combinazione con la chemioterapia ha ottenuto l'approvazione per l'uso in pazienti adulti con linfoma classico Hodgkin di stadio III o IV non trattato in precedenza.

L'approvazione si basa sull'esito positivo dello studio clinico di fase III di ECHELON-1 che ha confrontato brentuximab vedotina più AVD (adriamicina, vinblastina e dacarbazina) con ABVD (adriamicina, bleomicina, vinblastina e dacarbazina).

Joseph Connors, MD, direttore clinico del Center for Lymphoid Cancer presso il BC Cancer di Vancouver, in Canada, ha affermato che lo standard di cura per i pazienti con linfoma classico Hodgkin di stadio III o IV non è cambiato sostanzialmente negli ultimi quarant'anni. Tuttavia, lo studio ECHELON-1 ha dimostrato un'efficacia superiore della chemioterapia associata a brentuximab vedotin rispetto allo standard di cura per la rimozione della bleomicina. Ha detto che questo rappresenta un progresso significativo, perché significa meno tossicità per i pazienti, nonché il potenziale per risultati migliori.

"L'ABVD è insoddisfacente per due motivi. In primo luogo, non riesce a curare la malattia nel 25-30 per cento dei pazienti e il secondo è che ABVD può avere una tossicità maggiore, a volte mortale. Il farmaco più pericoloso nella combinazione ABVD è la bleomicina, che raramente, imprevedibilmente, può causare tossicità polmonare mortale", ha detto il dottor Connors alla Rete Cancro. "Questo rappresenta un passo avanti molto utile nel trattamento di questa malattia".

Lo studio ha incluso 1.334 pazienti e ha mostrato che dopo aver ricevuto una media di sei cicli di 28 giorni di trattamento con brentuximab vedotin più AVD, avevano il 23% in meno di probabilità di sperimentare progressione, morte, o l'inizio di una nuova terapia rispetto a quelli che ricevevono ABVD. Ci sono stati 117 (18%) pazienti nel braccio brentuximab vedotin più AVD che hanno sperimentato la progressione della malattia, la morte, o ha iniziato una nuova terapia rispetto ai 146 (22%) pazienti del braccio ABVD.

Gli effetti indesiderati comuni del brentuximab vedotin includono neutropenia, anemia, neuropatia periferica, nausea, stanchezza, costipazione, diarrea, vomito e piressia. Nell'attuale studio clinico, il 67% dei pazienti trattati con chemioterapia e brentuximab vedotin ha sviluppato neuropatia periferica e il 91% dei pazienti ha sviluppato neutropenia. Per il trattamento di prima linea del linfoma Hodgkin classico di stadio III o IV, si consiglia un trattamento preventivo con un fattore stimolante le colonie di granulociti prima di iniziare la terapia con chemioterapia e brentuximab vedotin.


SEZIONE DOWNLOAD