Fda

Psoriasi, Fda approva ixekizumab (anti IL-17)

L'Fda ha approvato ixekizumab, un nuovo anticorpo monoclonale diretto contro l'interleuchina-17 (IL-17). Sviluppato da Eli Lilly sarà posto in commercio con il marchio Taltz.
La molecola in questione è un anticorpo monoclonale IgG-4 che si lega con affinità e specificità elevata alla citochina sopra-menzionata, che risulta coinvolta nella psoriasi, nella PsA e nelle spondiloartropatie.

L’Fda ha approvato ixekizumab, un nuovo anticorpo monoclonale diretto contro l’interleuchina-17 (IL-17). Sviluppato da Eli Lilly sarà posto in commercio con il marchio Taltz.
La molecola in questione è un anticorpo monoclonale IgG-4 che si lega con affinità e specificità elevata alla citochina sopra-menzionata, che risulta coinvolta nella psoriasi, nella PsA e nelle spondiloartropatie.

Nella psoriasi, il farmaco è stato oggetto di studi approfonditi nel programma clinico denominato UNCOVER.
Esso comprende tre studi di fase III, che hanno arruolato in totale 3866 pazienti, nei quali il biologico ha centrato tutti gli obiettivi, primari e secondari.

In tutti e tre gli studi, i pazienti sono stati trattati con un placebo o ixekizumab 80 mg ogni 2 o 4 settimane, per 3 mesi. Nei due con il confronto attivo (UNCOVER 2 e 3), i pazienti potevano assumere etanercept 50 mg due volte a settimana. Nello studio UNCOVER 1, invece, quelli che hanno risposto al trattamento hanno continuato ad assumere placebo o ixekizumab (80 mg ogni 4 o 12 settimane) per un massimo di 60 settimane.

Tra i pazienti trattati con ixekizumab, tra il 78 e il 90% ha avuto una riduzione almeno del 75% delle lesioni cutanee (risposta PASI75) dopo 12 settimane.

SEZIONE DOWNLOAD